Personale: il rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno non consente ulteriori incarichi dirigenziali

Personale: il rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno non consente ulteriori incarichi dirigenziali

Nella Delibera n. 232 del 12 settembre 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere sulla compatibilità tra rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno e il contemporaneo svolgimento di un incarico dirigenziale ex art. 110 del Dlgs. n. 267/00. La Sezione pone in evidenza il principio cardine, nell’ambito del rapporto d’impiego pubblico, dell’esclusività della prestazione lavorativa (a mente dell’art. 98, comma 1, della Costituzione: “I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione”), con le sole eccezioni previste dall’art. 53 del Dlgs. n. 165/2001, e dagli artt. 60 e seguenti del Dpr.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Concessioni: possibile la modifica della Convenzione conclusa con il Concessionario ma solo a precise condizioni

Anac, Parere n. 388 del 12 aprile 2017 Nella fattispecie in esame, un Comune toscano chiede un parere sulla possibilità

Segretario comunale: può svolgere mansioni dirigenziali solo in circostanze eccezionali e previa specifica attribuzione di funzioni

Nella Sentenza n. 466 del 20 luglio 2017 del Tar Umbria, la questione controversa in esame ha ad oggetto lo

Violazione Patto di stabilità: applicazione della riduzione percentuale delle indennità di funzione spettanti alla Giunta

Nella Delibera n. 351 del 7 settembre 2016 della Corte dei conti Veneto, viene chiesto quale sia la corretta applicazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.