Piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali”: in campo oltre 103 milioni di Euro per rilanciare Cultura e Turismo in Italia

Piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali”: in campo oltre 103 milioni di Euro per rilanciare Cultura e Turismo in Italia

Dopo il via libera del Consiglio superiore dei Beni culturali, anche la Conferenza unificata Stato-Regioni ha dato il suo benestare al Piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali”, un Programma di investimenti da 103.630.501 Euro pensato per rilanciare la competitività territoriale del Paese puntando sul binomio Cultura-Turismo.

Come ? Attraverso interventi e investimenti su beni e siti di notevole interesse e importanza nazionale per i quali è necessario e urgente realizzare Progetti organici di tutela, riqualificazione, valorizzazione e promozione culturale, anche al fine di incrementarne l’offerta e la domanda di fruizione.

Gli obiettivi generali del Piano si articolano in 3 linee d’intervento:

  • Linea di azione 1- Musei e Aree archeologiche di rilevanza nazionale;
  • Linea di azione 2 – Poli di attrazione culturale;
  • Linea di azione 3 – Grandi biblioteche nazionali, Archivi e Scuole di alta formazione nel Settore culturale.

Alla base del Piano una strategia che vede nei Settori della Cultura e del Turismo le componenti essenziali e inscindibili per l’occupazione e lo sviluppo dell’economia nazionale. In tal senso, il Piano integra e completa la programmazione del Mibact inserita all’interno delle politiche di sviluppo e coesione, condividendone gli obiettivi.


Related Articles

Appalti: non censurabile la mancata suddivisione in lotti funzionali in sede di gara

Nella Sentenza n. 917 dell’8 novembre 2016 del Tar Emilia Romagna, è stato impugnato un bando di gara recante procedura

Tfr in busta paga: siglato l’Accordo-quadro tra Mef, Ministero del Lavoro e Abi

Con una Nota pubblicata il 24 marzo 2015 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato

Operazioni di acquisto di immobili: solo se comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità

Nella Delibera n. 154 del 21 ottobre 2015 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede di sapere se l’usufrutto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.