Procedimento amministrativo: condanna del dipendente che non lo conclude nei termini

Procedimento amministrativo: condanna del dipendente che non lo conclude nei termini

Se mai ce se ne fosse bisogno, è bene ricordare – pur senza alcun intento di terrorismo psicologico – che il non concludere il procedimento nei termini fissati (da legge o da Regolamenti) o il concluderlo con ritardo dà origine a delle conseguenze risarcitorie (ed anche disciplinari) di non poco conto. Lo ribadisce una recentissima Sentenza della Corte dei conti Puglia n. 135 del 14 aprile 2016, su cui diremo in appresso.

I termini di conclusione del procedimento. Uno degli effetti della riforma operata già con la Legge n. 69/09 (“Riforma Brunetta”) fu quello di prevedere tempi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Gettoni di presenza: può essere assegnato solo in caso di partecipazione a sedute di Organi collegiali

Nella Delibera n. 321 del 6 luglio 2016 della Corte di conti Veneto, la richiesta di parere in esame ha

Commissioni gara: ai componenti che sono dipendenti pubblici non spetta il compenso se l’attività è riconducibile ai doveri istituzionali

Nella Delibera n. 247 dell’11 dicembre 2014 della Corte dei conti Campania, un Ente chiede un parere sulla possibilità di

Edilizia scolastica: dopo quasi 2 decadi torna l’Osservatorio

Il Ministero dell’Istruzione, con il Comunicato-stampa 8 gennaio 2015 pubblicato sul proprio sito istituzionale, ha annunciato l’insediamento del nuovo “Osservatorio