Procedimento amministrativo: condanna del dipendente che non lo conclude nei termini

Procedimento amministrativo: condanna del dipendente che non lo conclude nei termini

Se mai ce se ne fosse bisogno, è bene ricordare – pur senza alcun intento di terrorismo psicologico – che il non concludere il procedimento nei termini fissati (da legge o da Regolamenti) o il concluderlo con ritardo dà origine a delle conseguenze risarcitorie (ed anche disciplinari) di non poco conto. Lo ribadisce una recentissima Sentenza della Corte dei conti Puglia n. 135 del 14 aprile 2016, su cui diremo in appresso.

I termini di conclusione del procedimento. Uno degli effetti della riforma operata già con la Legge n. 69/09 (“Riforma Brunetta”) fu quello di prevedere tempi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contributi attribuiti ai Comuni per accoglienza richiedenti protezione internazionale: non sono soggetti a vincolo

Nella Delibera n. 31 del 30 maggio 2018 della Corte dei conti Toscana, viene chiesto un parere sull’utilizzo dei contributi

Investimenti sui mutui anno 2014: il Decreto con il certificato per la richiesta dei contributi entro il 31 marzo 2015

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2015 il Decreto interministeriale 16 febbraio 2015, con cui

Conversione “Milleproroghe”: tra gli emendamenti proposti da Anci, la sanatoria per le aliquote Imu e Tasi deliberate in ritardo

“Fondo salario accessorio”, tempi determinati Enti di Area vasta, edilizia scolastica, tributi locali, sanzioni Patto: sono alcuni dei temi attorno