Rimborsi ai dipendenti in smartworking: esclusi da Irpef se le spese sono sostenute nell’interesse esclusivo del datore di lavoro

Rimborsi ai dipendenti in smartworking: esclusi da Irpef se le spese sono sostenute nell’interesse esclusivo del datore di lavoro

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 314 del 30 aprile 2021, ha fornito chiarimenti circa i casi di esclusione da reddito di lavoro dipendente dei rimborsi spese erogati ai dipendenti in smart working.

Ai sensi dell’art. 51, comma 1, del Tuir (Dpr. n. 917/1986), costituiscono reddito di lavoro dipendente “tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Enti in disavanzo: limite all’applicazione della quota accantonata, vincolata e destinata del risultato di amministrazione

Si premette che l’utilizzo delle quote vincolate, accantonate e destinate del risultato di amministrazione negli Enti in disavanzo è stato

Bilancio di previsione Enti Locali 2021-2023: il termine per l’approvazione slitta al 31 marzo 2021

Il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato il 14 gennaio 2021 sul proprio sito istituzionale il testo del

Iva: il canone di locazione fatturato dal Comune alle Poste sarà soggetto a “split payment” dal 1° luglio 2017?

Il testo del quesito: “In merito all’estensione dello ‘split payment’ ad altri soggetti a partire dal 1° luglio 2017, vorremmo

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.