Rimborsi ai dipendenti in smartworking: esclusi da Irpef se le spese sono sostenute nell’interesse esclusivo del datore di lavoro

Rimborsi ai dipendenti in smartworking: esclusi da Irpef se le spese sono sostenute nell’interesse esclusivo del datore di lavoro

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 314 del 30 aprile 2021, ha fornito chiarimenti circa i casi di esclusione da reddito di lavoro dipendente dei rimborsi spese erogati ai dipendenti in smart working.

Ai sensi dell’art. 51, comma 1, del Tuir (Dpr. n. 917/1986), costituiscono reddito di lavoro dipendente “tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Imposta di pubblicità: vi sono soggetti i cartelli esposti in vetrina che promuovono pacchetti offerti dai tour operator

Ctr Emilia Romagna, Sentenza n. 1718 del 31 agosto 2015 Nella fattispecie in esame, una Società svolgente attività di Agenzia

Responsabilità: condanna di un Sindaco per aver assunto personale a dispetto delle sanzioni legate alla violazione del Patto di stabilità

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale d’appello per la Regione Sicilia- Sentenza n. 389 del 19 settembre 2013 Oggetto Condanna

Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano: monitoraggio e certificazione del “Pareggio di bilancio 2016”

É stato pubblicato sulla G.U. n. 170 del 22 luglio 2016 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 31 luglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.