Servizi Demografici: Viminale, “Stop alle richieste di legalizzare gli atti pubblici marocchini muniti di apostille, non occorre più dal 2016”

Servizi Demografici: Viminale, “Stop alle richieste di legalizzare gli atti pubblici marocchini muniti di apostille, non occorre più dal 2016”

Le Autorità italiane continuano a richiedere la legalizzazione consolare di atti pubblici marocchini, già muniti di “apostille”, nonostante questo non sia più necessario dal 14 agosto 2016, data in cui il Marocco ha aderito alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961.

A metterlo in evidenza è il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi demografici, con la Circolare n. 10 del 4 giugno 2018. Il Viminale ha riferito di aver appreso, attraverso una Nota del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, che l’Ambasciata del Marocco ha denunciato il fatto che i Comuni italiani continuano a inoltrare numerose (immotivate) richieste di legalizzazione, senza tener conto del fatto che gli atti “apostillati” non necessitano di ulteriori formalità.

Nel Documento di prassi viene evidenziato che eventuali accertamenti in merito alla validità dei documenti marocchini possono essere compiuti semplicemente tramite il sito www.apostille.ma, che permette anche di consultare atti e traduzioni relativi ad ogni singolo documento.


Related Articles

Beni culturali: in due settimane inviate oltre 27mila segnalazioni nell’ambito dell’operazione “luoghi dimenticati”

Un totale di 906 luoghi da recuperare, segnalati attraverso 27.290 mail. E’ il primo bilancio dell’operazione lanciata dal Governo per

Ici: legittima la presunzione di assenza del requisito di dimora abituale nell’immobile basata sul basso consumo di energia elettrica

 Nella Sentenza n. 782 dell’11 febbraio 2016 della Ctr Lombardia, secondo la Commissione adita, la presunzione di assenza della dimora

Incarichi di patrocinio legale: condizioni per l’affidamento diretto

Nella Delibera n. 35 del 14 febbraio 2018 della Corte dei conti Emilia Romagna, la Sezione si esprime sul singolo