“Smart cities” e protezione dati: uno studio del Parlamento europeo analizza le potenziali criticità

“Smart cities” e protezione dati: uno studio del Parlamento europeo analizza le potenziali criticità

Un recente studio commissionato dal Parlamento europeo dal titolo “Artificial Intelligence and Urban Development” evidenzia che l’applicazione delle tecnologie di intelligenza artificiale (AI) allo sviluppo delle cosiddette “smart cities” può comportare seri rischi, sia per i singoli individui che per i delicati equilibri di coesione territoriale.

Infatti, potrebbe crearsi un vero e proprio divario rispetto alle opportunità sociali ed economiche tra singole zone delle città, tra città e contesto extra-urbano e fra le varie città di un dato territorio.

Sebbene nella ricerca sia possibile osservare gli aspetti positivi delle “smart cities”, l’intelligenza artificiale presenta potenziali rischi collegati soprattutto alla capacità di raccogliere, elaborare e trasformare immense quantità di dati, sfruttando anche le sinergie con altre tecnologie. In tal senso, la protezione dei dati rappresenta un volano fondamentale per la valutazione e la mitigazione di rischi di varia natura, che vanno dalle politiche di cybersecurity all’influenza di errori e pregiudizi “basati sulla raccolta e l’elaborazione dei dati, che possono avere pesanti ripercussioni a livello individuale e collettivo”.

Lo studio propone alcuni indirizzi operativi tesi a sfruttare al massimo il potenziale dell’AI rispettando al contempo la privacy delle persone. Li elementi principali per raggiungere tale scopo sono “un’attenta cooperazione tra le istituzioni; lo sviluppo di politiche e pratiche focalizzate su una precisa  regolazione dell’accesso ai dati e della loro condivisione; un puntuale e tempestivo adeguamento dei quadri giuridici e regolamentari; lo sviluppo di competenze e capacità adeguate (anche in chiave data protection) da parte dei soggetti chiamati a gestire lo sviluppo e la governance dei processi e delle tecnologie connessi alle città intelligenti”.


Related Articles

Clausola del bando che prevede l’aggiudicazione con il criterio del massimo ribasso: impugnazione

Nella Sentenza n. 1109 del 30 ottobre 2017 del Tar Puglia, i Giudici si esprimono sull’impugnazione immediata della clausola del

Appello nel rito appalti: motivi aggiunti ammissibili solo al fine di dedurre ulteriori vizi degli atti già censurati in primo grado

Nella Sentenza n. 1633 del 7 aprile 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sull’ammissibilità, nell’ambito del rito

Reintroduzione studio educazione alla cittadinanza: questi i Comuni in cui si può firmare la Proposta di legge di iniziativa popolare

Continua da Nord a Sud della Penisola la raccolta firme per l’introduzione della materia di educazione alla cittadinanza come materia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.