Sottoscritto un protocollo tra Inl e Gpdp per affrontare le sfide connesse allo smartworking per P.A. e aziende private

Sottoscritto un protocollo tra Inl e Gpdp per affrontare le sfide connesse allo smartworking per P.A. e aziende private

In un periodo come quello attuale dove lo smart working assume una rilevanza sempre maggiore nelle aziende private e nelle pubbliche amministrazioni, l’“Ispettorato Nazionale del Lavoro” (Inl) e il “Garante per la protezione dei dati personali” (Gpdp) hanno sottoscritto un protocollo d’intesa[1] per attivare una collaborazione strategica nell’ambito delle rispettive competenze. Entrambi, infatti, sono chiamati ad affrontare le sfide connesse all’accelerazione dei processi di digitalizzazione dei sistemi di gestione dell’organizzazione del lavoro, della produzione e della erogazione dei servizi per i lavoratori che svolgono le loro mansioni da casa.

L’obiettivo del protocollo firmato il 22 aprile 2021 è quello di realizzare processi di stabile connessione tra le due istituzioni per assumere orientamenti condivisi su questioni specifiche, fornire reciproca collaborazione e attività consultiva, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici connessi allo svolgimento del rapporto di lavoro.

Con il protocollo, che ha la durata di due anni, i due organismi si impegnano anche a organizzare incontri periodici su materie di interesse comune e a promuovere campagne di informazione e attività formative.


[1] Il testo del Protocollo è consultabile sul sito del Garante per la protezione dei dati personali


Related Articles

Documenti digitali: quelli prodotti dalla P.A. devono obbligatoriamente andare in conservazione?

Il testo del quesito: “Presto servizio in una Direzione centrale della Regione Friuli Venezia Giulia. La Direzione ha adottato un

Soccorso istruttorio: ammesso per il “Passoe” solo se la registrazione all’Anac è stata perfezionata

Nella Sentenza n. 150 del 15 gennaio 2016 del Tar Sicilia, Palermo, i Giudici siciliani rilevano che “Avcpass” è un

Avvocati Enti pubblici: legittima la rilevazione automatica delle presenze tramite “badge”

Nella Sentenza n. 5538 del 26 settembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda l’accertamento automatico

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.