Split payment: in mancanza di nota di credito i versamenti di Iva in eccesso sono recuperabili solo con la richiesta di rimborso all’Erario

Split payment: in mancanza di nota di credito i versamenti di Iva in eccesso sono recuperabili solo con la richiesta di rimborso all’Erario

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 79/E del 21 dicembre 2020, ha chiarito che per recuperare versamenti di Iva in eccesso nei confronti dell’Erario su fatture in split payment inerenti all’ambito istituzionale, in mancanza di nota di credito occorre presentare istanza di rimborso.

Nel caso di specie una Provincia, ai sensi dell’art. 17-ter del Dpr. n. 633/1972, effettua abitualmente, nell’ambito della propria attività istituzionale, i versamenti Iva in regime di scissione dei pagamenti (c.d. split payment) all’Erario e, in caso di emissione da parte delle imprese di note di variazione, recupera l’Iva pagata in misura eccessiva a

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Covid-19”: l’Epdb emana le “Linee-guida” europee su trattamento dati salute per ricerca, geolocalizzazione e altri strumenti di tracciamento

Il Comitato europeo per la protezione dei dati (Epbd), in occasione della 23ma Sessione plenaria ha adottato 2 “Linee-guida” sul

Progressioni economiche orizzontali: condizioni e decorrenza

Nella Delibera n. 11 del 3 aprile 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, un Comune ha chiesto un

“Covid-19”: la Direttiva del Ministero P.A. concernente le misure di prevenzione da adottare da parte degli Uffici pubblici

Il Ministero per la P.A. ha emanato la Direttiva n. 2/2020, avente ad oggetto “Indicazioni in materia di contenimento e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.