“Codice della Crisi”: strumenti di allerta e responsabilità degli Amministratori a seguito degli emendamenti introdotti dal Dlgs. n. 147/2020

“Codice della Crisi”: strumenti di allerta e responsabilità degli Amministratori a seguito degli emendamenti introdotti dal Dlgs. n. 147/2020

Premesse

Come noto, con il c.d. “Decreto Liquidità” (Dl. n. 23/2020), il Legislatore ha differito al 1° settembre 2021 (da agosto 2020) l’entrata in vigore del “Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza” (“CCII”), introdotto dalla Legge-delega n. 155/2017, poi attuata dal Dlgs. n. 14 del 12 gennaio 2019. L’obiettivo prefissato dell’art. 5 del “Decreto Liquidità” è, sia quello da un lato di poter continuare ad utilizzare uno strumento normativo conosciuto e collaudato, qual è l’attuale “Legge Fallimentare”, per affrontare le conseguenze del “Coronavirus” sulle Imprese, dall’altro quello

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Fabbisogni standard”: adottati i nuovi coefficienti di riparto per il 2016

Il Dpcm. 14 luglio 2016, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 51 della G.U. n. 272 del 21 novembre 2016, dispone

Bilancio di previsione Enti Locali 2019/2021: in G.U. il Decreto che ufficializza l’annunciata proroga al 31 marzo 2019

Come anticipato dal verbale della seduta del 17 gennaio 2019 della Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, slitta al 31 marzo

Mutui Cassa Depositi e Prestiti: sottoscrizione di un contratto a seguito del riconoscimento di un debito fuori bilancio

Nella Delibera n. 1 del 12 gennaio 2016 della Corte dei conti Puglia, viene richiesto un parere sulla possibilità di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.