Accertamento tributario: notifica

Accertamento tributario: notifica

Nella Sentenza n. 13972 del 5 giugno 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia di accertamento tributario, affermando che, qualora la notifica sia effettuata a mezzo del Servizio postale, la fase essenziale del procedimento è costituita dall’attività dell’Agente postale, mentre quella dell’Ufficiale giudiziario (o di colui che sia autorizzato ad avvalersi di tale mezzo di notificazione) ha il solo scopo di fornire al richiedente la prova dell’avvenuta spedizione e l’indicazione dell’Ufficio postale al quale è stato consegnato il plico. Sicché, qualora all’atto sia allegato l’avviso di ricevimento ritualmente compilato, la mancata apposizione sull’originale o sulla copia consegnata al destinatario della relazione prevista dall’art. 3 della Legge n. 890/82, non comporta l’inesistenza della notifica, ma una mera irregolarità, che non può essere fatta valere dal destinatario, trattandosi di un adempimento che non è previsto nel suo interesse.


Related Articles

Iva: illegittima l’imposizione sulla Tia e sulla Tarsu

La Ctr Puglia, con la Sentenza n. 2306/24/14, ha affermato che non è legittima l’imposizione dell’Iva sulla Tia e la

Riscossione: Istanza di accertamento con adesione

Nell’Ordinanza n. 15755 del 23 luglio 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che l’Istanza di accertamento con

Notifica: nullità cartella di pagamento

Nella Sentenza n. 182/02/15 della Ctp Lecce, la controversia nasce da una cartella di pagamento non preceduta, secondo la Società