Accertamento tributario

Accertamento tributario

Nell’Ordinanza n. 15154 del 3 giugno 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che in tema di accertamento tributario, non sussiste l’obbligo di redigere un apposito verbale di chiusura delle operazioni – e conseguentemente di attendere il decorso di un nuovo termine dilatorio, ai sensi dell’art. 12, comma 7, della Legge n. 212/00, prima di emanare l’avviso di accertamento – qualora il contribuente, richiesto in sede di accesso di depositare alcuni documenti, consegni poi gli stessi presso gli uffici dell’Amministrazione, perché la fase che giustifica l’instaurazione del contraddittorio presuppone l’accesso senza estendersi a ciò che avviene in epoca successiva, al di fuori dei locali nei quali il contribuente esercita la propria attività.


Related Articles

Tia: soggettività passiva nei contratti di leasing

Nella Sentenza n. 755 del 19 febbraio 2019 della Ctr Lombardia, la questione controversa riguarda l’impugnazione da parte di una

Notifica: è valida anche se non si indica la qualità di convivente del familiare del destinatario a cui è stata consegnata

Nell’Ordinanza n. 20863 del 6 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia di

“E-fatture”: per il 2019 esonerati i Fisioterapisti per le operazioni i cui dati affluiscono al Sistema “Tessera sanitaria”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 78 del 19 marzo 2019, ha fornito chiarimenti in ordine

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.