Affidamenti “in house”: è attivo il Sistema telematico per l’iscrizione all’Elenco tenuto dall’Anac

Affidamenti “in house”: è attivo il Sistema telematico per l’iscrizione all’Elenco tenuto dall’Anac

Dopo una lunga serie di proroghe, che ne ha fatto slittare l’avvio dal 27 giugno 2017 al 15 gennaio 2018, è stato ufficialmente lanciato l’applicativo per l’invio delle domande di iscrizione nell’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e degli Enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie Società “in house”, previsto dall’art. 192 del Dlgs. n. 50/16 (“Codice dei contratti”).

Ad annunciarlo, con una Nota pubblicata sul proprio sito istituzionale il 15 gennaio 2018, è l’Anac.

Le Amministrazioni aggiudicatrici e gli Enti aggiudicatori che hanno affidato servizi a Società “in house” possono quindi presentare all’Autorità la domanda di iscrizione nell’Elenco e – come previsto dalle “Linee guida” Anac n. 7 (Punto 9.2) – tale domanda costituirà presupposto legittimante per l’affidamento “in house”.

La mancata trasmissione all’Autorità delle informazioni o dei documenti richiesti con l’applicativo on line di cui al punto 4.4, oppure, richiesti dagli Uffici in corso di istruttoria, o la trasmissione di informazioni o documenti non veritieri da parte dei soggetti di cui al punto 3, – si legge sempre nelle “Linee di indirizzo” stilate dall’Authority  comporta l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 213, comma 13, del Dlgs. 50/2016”.

Nella Nota che ha annunciato l’avvio del “Sistema”, l’Anac ha ricordato che, “con riferimento ai ‘servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica’, gli Enti di governo degli Ambiti ottimali istituiti o designati ai sensi dell’art. 3-bis, comma 1, del Dl. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, devono richiedere l’iscrizione nell’Elenco, indicando nella domanda di iscrizione gli Enti Locali partecipanti ai sensi del comma 1-bis del citato art. 3-bis”.

Ove invece il controllo su un Organismo “in house” sia esercitato congiuntamente da più Amministrazioni aggiudicatrici ed Enti aggiudicatori, sarà sufficiente presentare un’unica domanda riferita a tutti i soggetti interessati all’iscrizione.

Nella pagina di accesso al Servizio sono pubblicati ilManuale operativo e i riferimenti normativi.

 

 


Related Articles

“Reverse charge”: i lavori di rifacimento dell’impianto di illuminazione votiva vi rientrano?

Il quesito: “Tenuto conto che l’illuminazione votiva è per l’Amministrazione un servizio rilevante Iva, dobbiamo richiedere all’Impresa appaltatrice la fattura

“Sprar”: assegnate le risorse per la prosecuzione dei progetti

Con Decreto 20 dicembre 2016, il Ministero dell’Interno ha assegnato le risorse agli Enti Locali titolari di un Progetto del

Obblighi di pubblicazione dei dati dei Dirigenti pubblici: l’intervento della Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 20 del 2019 si pronuncia, rispetto ai Dirigenti delle pubbliche amministrazioni, su un tema