Ambiente: Zedda, “vogliamo città smart ma basta una pioggia perché siano sommerse”

Al Sindaco di Cagliari Massimo Zedda è toccato ieri mattina in Parlamento il compito di farsi portavoce – nell’ambito dell’incontro “I Sindaci d’Italia nell’aula di Montecitorio. Idee per il futuro del Paese” -delle istanze degli Enti Locali in materia di tematiche ambientali. Nel suo breve ma incisivo intervento Zedda ha messo l’accento sul “paradosso” costituito dal fatto che “Vogliamo città smart, ecologiche e intelligenti ma basta una pioggia perché siano sommerse dall’acqua”.

Al Governo il primo cittadino sardo ha chiesto di “semplificare le procedure, abbattere il patto di stabilità in modo mirato” e mettere insieme una banca dati del patrimonio immobiliare pubblico delle città così da poter sfruttare edifici ad oggi sotto-utilizzati.


Tags assigned to this article:
ambientezedda

Related Articles

Tarsu: legittima la tariffazione maggiorata per le strutture alberghiere rispetto alle civili abitazioni

La Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 8077 del 3 aprile 2018, si è pronunciata in merito alla differenziazione di

Ztl: in caso di più violazioni a distanza di ore si applica una sanzione per ogni accesso illegittimo

Nella Sentenza n. 26434, del 16 dicembre 2014, della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno chiarito che in

Corte dei conti ed Istat: siglato un Protocollo d’intesa per lo scambio di informazioni finalizzato all’attività statistica e di ricerca scientifica

Con il Comunicato-stampa 1° febbraio 2019, la Corte dei conti ha reso nota l’avvenuta sottoscrizione, lo scorso 31 gennaio 2019,