Appalti: i chiarimenti non integrano la lex specialis

Appalti: i chiarimenti non integrano la lex specialis

Nella Sentenza n. 6026 del 2 settembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici hanno escluso che l’Amministrazione, a mezzo di chiarimenti auto-interpretativi, possa modificare o integrare la disciplina di gara, pervenendo ad una sostanziale disapplicazione della lex specialis della procedura. I chiarimenti sono invero ammissibili se contribuiscono, con un’operazione di interpretazione del testo, a renderne chiaro e comprensibile il significato e/o la ratio, ma non quando, proprio mediante l’attività interpretativa, si giunga ad attribuire ad una disposizione del bando un significato ed una portata diversa e maggiore di quella che risulta dal testo stesso, in tal caso violandosi il rigoroso principio formale della lex specialis, posto a garanzia dei Principi di cui all’art. 97 della Costituzione.


Related Articles

Semplificazione amministrativa: Circolare “Servizi Demografici” sulle comunicazioni telematiche per i Comuni

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha pubblicato sul proprio sito la Circolare n. 11 del

Incentivi per funzioni tecniche: non sono spesa di personale

Nella Delibera n. 72 del 9 aprile 2019 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede un parere in merito

Impianti produzione biometano: spetta alle Regioni l’individuazione delle aree dove non è possibile costruirli

Nella Sentenza n. 1295 del 24 novembre 2016 del Tar Veneto, i Giudici si esprimono sul difetto assoluto di attribuzione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.