Appalti: la carenza della cauzione provvisoria non costituisce un’irregolarità essenziale

Appalti: la carenza della cauzione provvisoria non costituisce un’irregolarità essenziale

Il Tar Toscana, Sezione II, con la Pronuncia 18 marzo 2015, n. 429, prende posizione sulle novità che hanno interessato i requisiti ed ogni altro elemento che inerisca all’ammissione delle Imprese in gara a seguito delle recenti modificazioni degli artt. 38 e 46 del Dlgs. n. 163/06.

In particolare, viene considerato nella Sentenza il caso in cui un concorrente, pur richiesto di ciò nel disciplinare di gara, non abbia prodotto nella propria offerta l’originale della cauzione provvisoria; si versa, quindi, nelle irregolarità dell’offerta per profili inerenti la cauzione, che già la prevalente giurisprudenza considerava (prima dell’entrata in vigore delle novità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: stessa aliquota sulla rifatturazione delle spese alle Consorziate da parte di una Società consortile costituita per eseguire un appalto

Cassazione – Civile Ordinaria, Sezione 5, n. 19786 Anno 2020 – Sentenza 29 gennaio 2020 “Le prestazioni apparentemente ricevute dalla

Appalti di servizi intellettuali, di formazione e di consulenza: valutazione della squadra

 La Corte di Giustizia europea, con la Sentenza C-601/13 del 26 marzo 2015, si esprime sull’aggiudicazione di un appalto di

Nuovo “Codice degli appalti”: Anci invoca l’accelerazione sull’emanazione dei Decreti attuativi

Dopo 7 mesi dall’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/2016 (Nuovo “Codice degli Appalti”)sono stati emanati solo 7 Decreti attuativi