“Art-bonus”: viene riconosciuto nel caso di erogazioni a soggetti considerati “affidatari di beni culturali pubblici”

“Art-bonus”: viene riconosciuto nel caso di erogazioni a soggetti considerati “affidatari di beni culturali pubblici”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 20 all’Istanza di Interpello, diffusa il 3 ottobre 2018, ha fornito chiarimenti in merito al cosiddetto “Art-bonus”, di cui all’art. 1, comma 1, Dl. n. 83/2014, nel caso di erogazioni liberali ad un’Associazione che ha commissionato e sostenuto degli interventi di restauro e manutenzione di una fontana, bene appartenente ad un complesso monumentale assoggettato a tutela ai sensi del Dlgs. n. 42/2004, gestito da un Consorzio, Ente consortile pubblico ai sensi degli artt. 112 e 115 del “Codice dei Beni culturali”, costituito tra diversi Enti pubblici, tra cui Mibac, Regione,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Immigrazione: Fassino, “gli hub regionali sono pochi e insufficienti

  Con un Comunicato diffuso il 16 giugno 2015 dall’Anci, il Presidente dell’Associazione, Piero Fassino, è tornato sul tema della

“Servizi Demografici”: il cognome della madre, ove attribuito, segue quello paterno

Nel caso in cui dei neogenitori optino per il doppio cognome, cogliendo l’opportunità aperta dalla Sentenza della Corte Costituzionale n.

“Decreto P.A.”: al via la riforma della Pubblica Amministrazione, le numerose novità introdotte per gli Enti Locali dal Dl. n. 90

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 24 giugno 2014 il Dl. 24 giugno 2014, n. 90, recante “Misure

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.