Assegni per il nucleo familiare: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione nel periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020

Assegni per il nucleo familiare: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione nel periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020

E’ stata pubblicata sul sito istituzionale del Mef-Ragioneria generale dello Stato la Circolare n. 19, Prot. n. 158712 dell’11 giugno 2019, avente ad oggetto “Corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare – Rivalutazione dei livelli di reddito per il periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020”.

Come stabilito dalla Legge n. 153/1988, i livelli di reddito familiare per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare vengono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’Istat, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.

La Circolare n. 19 informa che, secondo i dati Istat, tra l’anno 2017 e l’anno 2018, la variazione percentuale dell’Indice dei prezzi al consumo è stata pari all’1,1%. I livelli di reddito in vigore nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione, da applicare nell’arco di tempo compreso tra il 1° luglio 2019 e il 30 giugno 2020 sono stati pertanto rivisti sulla base di questo dato e rideterminati così come indicato nelle Tabelle allegate alla Circolare in commento.

Gli stessi livelli di reddito dovranno applicarsi per determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione.


Related Articles

Società partecipate: ad oggi la “Legge Madia” non incide sulla corresponsione del compenso variabile agli Amministratori

  Nella Delibera n. 64 del 1° marzo 2016 della Corte dei conti Lombardia, è stato posto un quesito in

“Pcc”: disponibile l’Elenco delle banche abilitate

 Con una Nota pubblicata il 30 marzo 2015 sul portale “Piattaforma certificazione crediti”, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha

“Pcc”: indicazioni in materia di ricognizione dei debiti P.A.

Con la Nota pubblicata il 13 aprile 2015 sulla “Piattaforma certificazione crediti” (“Pcc”), il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.