Assistenza fiscale, ipotecaria e catastale: in rete la nuova “Carta dei servizi” dell’Agenzia delle Entrate

Assistenza fiscale, ipotecaria e catastale: in rete la nuova “Carta dei servizi” dell’Agenzia delle Entrate

 

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso, il 30 dicembre 2016, sul proprio sito web, la nuova “Carta dei servizi”, che offre una mappatura dettagliata dei servizi fiscali e ipotecari-catastali offerti dall’Amministrazione finanziaria.

Il Documento, approvato con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia, fissa gli impegni che l’Amministrazione si assume nei confronti dei contribuenti e contiene una dettagliata descrizione dei servizi fiscali, ipotecari e catastali, i canali di accesso e, per alcuni servizi, i rispettivi tempi di erogazione e di attesa. La “Carta dei servizi” è presentata dall’Agenzia come uno strumento finalizzato a favorire la fiducia reciproca ed a promuovere la compliance attraverso servizi ancora più accessibili, tempestivi e, in definitiva, all’altezza delle aspettative dei destinatari

Il Documento – giunto alla terza edizione – si apre con una Parte generale, nella quale vengono illustrati gli obiettivi, i valori di riferimento, i principali servizi offerti e indicate le informazioni utili per richiedere assistenza. La Parte seconda è invece dedicata alle “Schede servizio”, in cui sono illustrati in modo dettagliato i servizi forniti ai cittadini. Le schede prevedono anche una Sezione contenente gli indicatori e gli impegni assunti.


Related Articles

Contratti pubblici: analisi delle Linee-guida sul rapporto tra P.A. ed “Enti del Terzo Settore”

Con Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 72/2021 del 31 marzo 2021 sono state approvate le

Contenimento delle spese di personale delle Società controllate

Le Società a partecipazione pubblica locale totale o di controllo, prima dell’entrata in vigore del Dlgs. n. 175/16 (“Tusp”), soggiacevano

Indebito annullamento di ruoli in favore del figlio: le poste di danno contestate ad un dipendente dell’Amministrazione finanziaria

Nella Sentenza n. 150 del 21 giugno 2017 della Corte dei conti Toscana, l’Agenzia delle Entrate accertava che un dipendente,