Atti di accertamento: legittimi anche se sottoscritti da un Funzionario privo di qualifica dirigenziale

Atti di accertamento: legittimi anche se sottoscritti da un Funzionario privo di qualifica dirigenziale

Nell’Ordinanza n. 14851 dell’11 agosto 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla legittimità degli atti di accertamento dell’Agenzia delle Entrate. Nello specifico, la Suprema Corte afferma che gli accertamenti d’ufficio devono essere sottoscritti a pena di nullità dal Capo dell’Ufficio o da altro Funzionario delegato di carriera direttiva e, cioè, da un Funzionario di Area III di cui al contratto del Comparto Agenzie fiscali per il quadriennio 2002-2005, di cui non è richiesta la qualifica dirigenziale.

Di conseguenza, nessun effetto sulla validità di tali atti può conseguire dalla declaratoria d’incostituzionalità dell’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12, convertito nella Legge n. 44/12.


Related Articles

Esenzioni Imu Settore turistico, Tosap, Cosap e Imposta di soggiorno e sbarco: ripartite le risorse per compensare le mancate entrate

Ammontano complessivamente a poco meno di 280 milioni di Euro le risorse stanziate dal Governo per compensare le mancate entrate

Cosap: la sanzione per occupazione permanente abusiva è dovuta per ciascuna annualità

Nella Sentenza n. 271 del 21 febbraio 2019 della Corte di Appello di Genova, i Giudici hanno chiarito un importante

Tarsu: è soggetto passivo anche chi occupa o detiene box, cantine e garage

Nella Sentenza n. 2626 del 24 ottobre 2016 del Tar Catania, un Consiglio comunale determinava la modifica del Regolamento comunale