Avviso di accertamento: deve indicare presupposti di fatto e ragioni giuridiche che lo giustificano

Avviso di accertamento: deve indicare presupposti di fatto e ragioni giuridiche che lo giustificano

Nella Sentenza n. 954 del 20 gennaio 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di Imposte sui redditi, l’art. 42, comma 2, del Dpr. n. 600/73, richiede l’indicazione nell’avviso di accertamento, non soltanto degli estremi del titolo e della pretesa impositiva, ma anche dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche che lo giustificano, al fine di porre il contribuente in condizione di valutare l’opportunità di esperire l’impugnazione giudiziale e, in caso positivo, di contestare efficacemente l’an e il quantum debeatur.

Tali elementi conoscitivi devono essere forniti non solo tempestivamente (ab origine nel Provvedimento) ma anche con quel grado di determinatezza ed intelligibilità che permetta all’interessato un esercizio non difficoltoso del diritto di difesa.


Related Articles

“Decreto Ristori quater”: il quadro delle principali novità introdotte dal n. 157/2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 30 novembre 2020 il Dl. n. 157 del 30 novembre 2020,

Impianto sciistico: valutazione della destinazione del bene per la corretta classificazione catastale

Nell’Ordinanza n. 5070 del 21 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità pongono in evidenza che l’impianto

Tarsu: il Comune può prevedere una tariffa specifica per le abitazioni civili in cui si svolge anche un’attività professionale

Nell’Ordinanza n. 21234 del 13 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda il caso delle abitazioni civili