Avviso di accertamento: illegittimo se sottoscritto prima della scadenza ex art. 12 della Legge n. 212/00

Avviso di accertamento: illegittimo se sottoscritto prima della scadenza ex art. 12 della Legge n. 212/00

 

Nella Sentenza n. 11088 del 28 maggio 2015 della Corte di Cassazione ai fini del rispetto del termine di cui all’art. 12, comma 7, della Legge n. 212/00, per data di emanazione dell’atto deve intendersi quella in cui lo stesso è stato sottoscritto dal funzionario munito del relativo potere, ossia, in definitiva, deve intendersi la data dell’atto medesimo.

Quindi, l’atto impositivo emanato (vale a dire sottoscritto), ante tempus, cioè in data anteriore alla scadenza del termine di cui all’art. 12, comma 7, della Legge n. 212/00, è illegittimo. Ciò in quanto è stata violata la disciplina del contraddittorio processuale, sebbene la relativa notifica al contribuente sia stata effettuata dopo tale scadenza.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 11088 del 28 maggio 2015


Related Articles

Razionalizzazione spesa P.A.: in rete il nuovo Portale “Acquisti in rete”

Con il Comunicato congiunto diffuso il 22 febbraio 2018, Mef e Consip hanno annunciato l’avvio del nuovo Portale “Acquisti in

Imus: il nuovo prelievo “resta al palo” fino all’emanazione del Regolamento ministeriale

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento delle Finanze, la Risoluzione 12 gennaio 2015, n. 1/DF, avente ad

Appalti: la firma digitale dell’offerta deve essere attendibile ai fini dell’ammissione

La presentazione dell’offerta con firma digitale, che tuttavia risulti sconosciuta o non attendibile in quanto apposta con strumento non certificato,