Azienda speciale: eccedenza di cassa non può essere usata per finanziamento in favore del Comune

Azienda speciale: eccedenza di cassa non può essere usata per finanziamento in favore del Comune

Nella Delibera n. 402 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia viene chiesto se l’eccedenza di cassa di una Azienda speciale possa essere impiegata per realizzare un finanziamento a breve termine a favore del Comune che ne detiene in modo totalitario la partecipazione, evitando ad esso di incorrere nei maggiori oneri in termini di interessi passivi dovuti per l’anticipazione concessa dal Tesoriere ai sensi dell’art. 222 del Dlgs. n. 267/00. La Sezione ritiene che si deve escludere che un Comune possa ricevere dalla propria Azienda speciale un finanziamento a breve termine avente le stesse caratteristiche e le stesse

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Servizi Demografici”: nuovi adempimenti a carico dei Comuni per la costituzione dell’Elenco unico degli italiani residenti all’estero

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha pubblicato sul proprio sito istituzionale la “Circolare urgentissima” n.

“Spoils system”: illegittima la cessazione anticipata di un incarico di tipo tecnico-professionale allo scadere del mandato del Sindaco

Nella Sentenza n. 11015 del 5 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa è quella di stabilire se

“Covid-19”: prorogati l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per i cittadini provenienti dai Paesi extra Schengen

Restano in vigore fino al 14 luglio 2020 l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai