Aziende speciali: per i loro contratti non è imposta la forma scritta “ad sustantiam”

Aziende speciali: per i loro contratti non è imposta la forma scritta “ad sustantiam”

Nella Sentenza n. 20684 del 9 agosto 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che le Aziende speciali non sono tenute a rispettare la forma scritta “ad substantiam” per la conclusione di contratti. In particolare, osserva la Suprema Corte che l’Azienda speciale è destinata alla produzione di beni ed attività con criteri di efficacia, efficienza ed economicità, con obbligo di pareggio del bilancio. E’ in ragione di questa circostanza – cioè per il fatto che la sua attività ha ad oggetto appunto la produzione di beni ed attività con rilevanza imprenditoriale ed economica – che l’articolazione dell’Ente Locale in cui si risolve l’Azienda speciale, sebbene rimanga ad esso saldamente collegata con la funzionalizzazione delle scelte generali di politica imprenditoriale e gli altri strumenti di ingerenza e controllo previsti dal suo Statuto in favore dell’Ente Locale di riferimento, espleta attività imprenditoriale in senso proprio.

In dipendenza della natura imprenditoriale dell’attività svolta dall’Azienda speciale di Ente territoriale e della sua autonomia organizzativa e gestionale rispetto all’Ente di riferimento, l’Azienda stessa, pur appartenendo – se non altro a diversi ed ulteriori fini e rimanendo soggetta ai controlli ed alle altre forme di funzionalizzazione agli scopi istituzionali dell’Ente di riferimento espressamente previsti – al sistema con il quale la Pubblica Amministrazione locale gestisce i servizi pubblici che abbiano per oggetto produzioni di beni ed attività rivolte a soddisfare fini sociali ed a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali, non può qualificarsi, ai fini della normativa sulla forma dei contratti di cui agli artt. 16 e 17 del Rd. n. 2440/23, Pubblica Amministrazione in senso stretto. Quindi, di conseguenza per i suoi contratti non è imposta la forma scritta “ad substantiam” ai sensi degli artt. 16 e 17 sopra citati, né sono vietate la stipula per “facta concludentia” o mediante esecuzione della prestazione ex art. 1327 del Cc., vigendo al contrario il principio generale della libertà delle forme di manifestazione della volontà negoziale.


Related Articles

Debiti P.A.: illegittima la compensazione se il credito vantato dall’Ente nei confronti è stato contestato

Nella Sentenza n. 2572 del 27 ottobre 2014 del Tar Lombardia un Comune ha determinato di restituire a due soggetti

Lsu: trasmessi gli ordini di pagamento del contributo per la stabilizzazione

Con il Comunicato 15 ottobre 2014, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha annunciato che sono stati trasmessi,

Responsabilità amministrativa: condannati Tecnici provinciali per aver addebitato somme maggiorate per la trascrizione di atti di esproprio

Corte dei conti – Sezione seconda giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 39 del 4 febbraio 2015 Oggetto Condanna Tecnici

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.