Bando di concorso di una Società partecipata: è discriminatorio prevedere la cittadinanza italiana tra i requisiti per l’ammissione

Bando di concorso di una Società partecipata: è discriminatorio prevedere la cittadinanza italiana tra i requisiti per l’ammissione

Nell’Ordinanza del Tribunale di Torino del 18 maggio 2018, i Giudici si esprimono sul bando di concorso, emanato da una Società partecipata, per l’assunzione di personale operaio addetto alla manutenzione del verde, che tra i requisiti per l’ammissione dei partecipanti chiede la cittadinanza italiana o di Stato appartenente all’Unione europea. I Giudici piemontesi affermano il carattere discriminatorio del bando in esame ed ordinano alla Società partecipata di modificarlo ampliando la partecipazione ai cittadini di Paesi terzi in possesso dei requisiti per l’accesso al lavoro e fissando un nuovo termine per la presentazione delle domande. In particolare, i Giudici rilevano che

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Riscossione: l’individuazione del Concessionario competente segue la residenza del contribuente

Nella Sentenza n. 8049 del 29 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulle regole

Onorari dell’Avvocatura dello Stato e delle Avvocature degli Enti pubblici

 Nella Delibera n. 44 del 16 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, richiamato l’art. 9, commi 3, 5, 6

Trattamento accessorio nei Comuni di ridotte dimensioni: si applica comunque l’art. 9, comma 2-bis, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 103 del 30 ottobre 2014 della Corte dei conti Basilicata viene chiesto se le risorse da assoggettare