Bando di concorso di una Società partecipata: è discriminatorio prevedere la cittadinanza italiana tra i requisiti per l’ammissione

Bando di concorso di una Società partecipata: è discriminatorio prevedere la cittadinanza italiana tra i requisiti per l’ammissione

Nell’Ordinanza del Tribunale di Torino del 18 maggio 2018, i Giudici si esprimono sul bando di concorso, emanato da una Società partecipata, per l’assunzione di personale operaio addetto alla manutenzione del verde, che tra i requisiti per l’ammissione dei partecipanti chiede la cittadinanza italiana o di Stato appartenente all’Unione europea. I Giudici piemontesi affermano il carattere discriminatorio del bando in esame ed ordinano alla Società partecipata di modificarlo ampliando la partecipazione ai cittadini di Paesi terzi in possesso dei requisiti per l’accesso al lavoro e fissando un nuovo termine per la presentazione delle domande. In particolare, i Giudici rilevano che

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a novembre 2014

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 297 del 23 dicembre 2014 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di novembre

La “vigilanza collaborativa” dell’Anac: emanato il Regolamento

L’art. 213 del Dlgs. n. 50/16 attribuisce ad Anac svariati compiti, fra cui la “vigilanza collaborativa” ex art. 213, comma

Società pubbliche: quali sono gli effetti del blocco delle assunzioni di personale previsto dall’emanando “Testo unico”?

Il testo del quesito: “Quali sono gli effetti del blocco delle assunzioni di personale nelle Società a controllo pubblico, previsto