Benefici “prima casa”: in caso di comunione legale tra coniugi, quel che rileva è che il cespite acquistato sia destinato a residenza familiare

Benefici “prima casa”: in caso di comunione legale tra coniugi, quel che rileva è che il cespite acquistato sia destinato a residenza familiare

Nell’Ordinanza n. 11225 dell’11 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in materia di Imposta di registro e dei relativi benefici per l’acquisto della prima casa, ai fini della fruizione degli stessi, ai sensi dell’art. 2 della Legge n. 118/1985, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l’immobile va riferito alla famiglia. Con la conseguenza che, in caso di comunione legale tra coniugi, quel che rileva è che il cespite acquistato sia destinato a residenza familiare, mentre non assume rilievo in senso contrario la circostanza che uno dei coniugi non abbia la residenza anagrafica in tale Comune, e ciò in ogni ipotesi in cui il bene sia divenuto oggetto della comunione ai sensi dell’art. 177 del Cc., quindi sia in caso di acquisto separato che congiunto dello stesso.


Related Articles

Imposta di registro: chiarimenti sull’applicazione per diverse tipologie di espropriazioni per pubblica utilità

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 669 del 6 ottobre 2021, si è occupata del corretto

Prezzo a base d’asta: non implica una mera scelta di convenienza e opportunità, ma una valutazione basata su precise cognizioni tecniche

Nella Delibera n. 1017 del 25 novembre 2020 dell’Anac, una Società ha contestato gli atti della procedura di gara relativa

Fondi comunitari strutturali e di investimento: possibilità di utilizzarli per incentivare il personale addetto alla loro gestione

Nella Delibera n. 20 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti-Sezione Autonomie, viene chiesto un parere sulla possibilità di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.