Cancellazione residui attivi inesigibili in sede di riaccertamento straordinario

Cancellazione residui attivi inesigibili in sede di riaccertamento straordinario

Nella Sentenza n. 4 del 24 aprile 2020 della Corte dei conti, Sezioni Riunite, la questione controversa in esame riguarda l’interpretazione da dare all’effettiva portata applicativa del riaccertamento straordinario dei residui nel passaggio dal tradizionale Sistema contabile previsto dal Testo unico al Sistema di norme derivante dal Dlgs. n. 118/2011, con il quale è stata introdotta la cosiddetta contabilità “armonizzata”.

In particolare, si tratta di stabilire se è ammissibile la cancellazione, in occasione del riaccertamento straordinario previsto dall’art. 3, comma 7, del Dlgs. n. 118/2011, di residui attivi che avrebbero dovuto essere espunti dal conto del bilancio all’esito

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: l’Anci punta il dito verso i ritardi nello sblocco dei fondi spettanti ai Comuni  

Con una lettera indirizzata al Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, il Presidente dell’Anci Piero Fassino ha evidenziato

Controlli interni esercizio 2017: Linee-guida della Corte dei conti per le Relazioni annuali di Sindaci e Presidenti Province

La Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, con la Deliberazione n. 14/SezAut/2018/Inprdel 21 giugno 2018, ha approvato le Linee-guida annuali

“Pareggio di bilancio”: la Consulta boccia l’esclusione a partire dal 2020 del “Fondo pluriennale vincolato” e dell’avanzo di amministrazione

È incostituzionale il blocco dell’utilizzo ai fini del “Pareggio di bilancio” dell’avanzo di amministrazione e del “Fondo pluriennale vincolato” degli

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.