Cassazione: in materia tributaria nulla osta alla rilevanza penale dell’abuso del diritto

Cassazione: in materia tributaria nulla osta alla rilevanza penale dell’abuso del diritto

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 3307 del 23 gennaio 2015, ha affermato che, in materia tributaria, nulla osta, a livello di ordinamento nazionale ed europeo, alla rilevanza penale dell’abuso del diritto, in ragione del rispetto del principio di capacità contributiva, art. 53, comma 1, della Costituzione, e del principio di progressività dell’imposizione, art. 53, comma 2, della Costituzione, dovendosi desumere da tali principi che il contribuente non possa trarre indebiti vantaggi fiscali dall’utilizzo in modo distorto di strumenti giuridici idonei a ottenere un risparmio fiscale in mancanza di ragioni economicamente apprezzabili che possano giustificare l’operazione. Dal punto di vista tributario, dal divieto di abuso del diritto discende l’inopponibilità all’Amministrazione finanziaria, per ogni profilo di indebito vantaggio tributario che il contribuente pretenda di far discendere dall’operazione elusiva, del negozio utilizzato per ottenere un’agevolazione o un risparmio di imposta.


Related Articles

Tari: indicazioni da Ifel sulla predisposizione dei “Piani finanziari 2020”

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Ifel la Nota 9 dicembre 2019, rubricata “Le modalità e le tempistiche di

“Green pass” a lavoro, il Garante esprime parere favorevole

Il Garante per la protezione dei dati, con parere depositato l’11 ottobre 2021 (docweb 9707431), ha dato il via libera

Anticipazione di liquidità: contabilizzazione in applicazione dei principi di armonizzazione contabile

Nella Delibera n. 104 del 13 settembre 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede come possa essere ripristinata