Certificazione crediti: pronte le funzionalità per la tenuta del “Registro unico delle fatture”

Certificazione crediti: pronte le funzionalità per la tenuta del “Registro unico delle fatture”

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato – per mezzo del Comunicato 20 ottobre 2014 pubblicato sul sito della “Piattaforma per la certificazione dei crediti” (Pcc) – che sono state rese disponibili, per le Pubbliche Amministrazioni registrate sulla Piattaforma (eccetto quelle che usano il “Sistema per la gestione integrata della contabilità economica e finanziaria”), le funzionalità che consentono la tenuta del “Registro unico delle fatture”.

Ricordiamo che l’obbligo della tenuta del Registro è stato introdotto dall’art. 42 del c.d. “Decreto Renzi” (Dl. n. 66/14, convertito con Legge n. 89/14). Per accedere alle funzionalità in questione, il Responsabile dell’Amministrazione deve procedere con la “Richiesta registro fatture”accessibile dal menu “Utilità”.

Ricordiamo che – ai sensi del citato art. 42 – tutte le P.A. (Enti Locali inclusi) devono annotare nel “Registro unico delle fatture”, entro 10 giorni dal ricevimento,le fatture o le richieste equivalenti di pagamento per somministrazioni, forniture e appalti e per obbligazioni relative a prestazioni professionali emesse nei loro confronti.

Nello specifico, devono essere annotati nel Registro:

a) il codice progressivo di registrazione;

b) il numero di protocollo di entrata;

c) il numero della fattura o del documento contabile equivalente;

d) la data di emissione della fattura o del documento contabile equivalente;

e) il nome del creditore e il relativo Codice fiscale;

f) l’oggetto della fornitura;

g) l’importo totale, al lordo di Iva e di eventuali altri oneri e spese indicati;

h)la scadenza della fattura;

i) nel caso di Enti in contabilità finanziaria, gli estremi dell’impegno indicato nella fattura o nel documento contabile equivalente oppure il capitolo e il piano gestionale, o analoghe unità gestionali del bilancio sul quale verrà effettuato il pagamento;

l) se la spesa è rilevante o meno ai fini Iva;

m) il “Codice identificativo di gara” (“Cig”), tranne i casi di esclusione dall’obbligo di tracciabilità di cui alla Legge n. 136/10;

n) il “Codice unico di progetto” (“Cup”), in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e ove previsto ai sensi dell’art. 11 della Legge n. 3/03;

o) qualsiasi altra informazione che si ritiene necessaria.

Si evidenzia infine che, con un secondo breve Comunicato pubblicato ieri sullo stesso sito web, è stato reso noto che, nella sezione Video della “Piattaforma certificazioni crediti”, è ora disponibile una video-guida che mostra i passaggi necessari per il recupero delle credenziali di accesso al Sistema Pcc.


Tags assigned to this article:
Enti non commercialiImuTasi

Related Articles

Concessioni: il valore deve essere calcolato tenendo conto del fatturato potenziale del Concessionario

Nella Sentenza n. 4343 del 18 ottobre 2016 del Consiglio di Stato, la controversia riguarda la legittimità della lex specialis

Modello “730”: dal 2015 la Dichiarazione è precompilata

L’Agenzia delle Entrate, Direzione centrale Servizi ai contribuenti, ha pubblicato in data 18 dicembre 2014 sul proprio sito web la

“F24 Enti pubblici”: dal 7 gennaio 2016 possibile l’utilizzo per compensazioni “orizzontali”

Con Provvedimento 1° dicembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha approvato delle modifiche al Modello di versamento “F24 Enti pubblici” ed