Commissione di gara: illegittima la presenza di rapporti gerarchici tra i componenti della stessa

Commissione di gara: illegittima la presenza di rapporti gerarchici tra i componenti della stessa

Nella Sentenza n. 108 del 6 febbraio 2017 del Tar Marche, i Giudici si esprimono sulla composizione della Commissione di gara negli appalti da aggiudicarsi secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Nello specifico, la controversia in esame riguarda un Commissario che era, a sua volta, anche superiore gerarchico di altro componente. Secondo i Giudici marchigiani, tale circostanza incideva sulla libera determinazione del componente “subordinato”. Infatti, i Giudici evidenziano che per un principio generale dell’ordinamento di Settore, ma applicabile naturalmente anche ai concorsi pubblici, ogni Commissario deve essere libero di svolgere in autonomia le proprie valutazioni, il che sarebbe fortemente ostacolato dal fatto che uno dei membri possa esercitare, anche inconsciamente, una qualche “pressione” su uno o più degli altri componenti. Uno dei casi in cui tale “pressione” può manifestarsi si verifica proprio quando fra i Commissari vi sono rapporti di dipendenza gerarchica. Il vizio ha valenza invalidante ex se, a prescindere pertanto dal fatto che in concreto non sia fornita la prova di uno sviamento di potere.


Related Articles

Conferimento di incarichi dirigenziali: nessun obbligo di scorrimento delle graduatorie preesistenti

Nella Sentenza 6259 del 22 maggio 2019 del Tar Lazio, i ricorrenti hanno tutti partecipato ad un concorso per l’attribuzione

Processo tributario: mancanza attestazione di conformità tra atto depositato e notificato non costituisce causa di inammissibilità

Nella Sentenza n. 13398 del 30 giugno 2016, la Corte di Cassazione ha rilevato che l’art. 22, comma 3, del

Responsabilità: oltre 3.700 Sindaci chiedono la revisione del Tuel alla luce della condanna di Chiara Appendino

Sono 3.746 i Sindaci che hanno firmato l’appello inviato dal Presidente dell’Anci, Antonio Decaro, al Parlamento, per chiedere la revisione