Compensi extra per gli Avvocati dipendenti: la Corte Sicilia interviene sull’applicabilità dell’art. 9 del Dl. n. 90/2014

Compensi extra per gli Avvocati dipendenti: la Corte Sicilia interviene sull’applicabilità dell’art. 9 del Dl. n. 90/2014

Nella Delibera n. 88 del 29 aprile 2019 della Corte dei conti Sicilia, il Commissario straordinario di un Libero Consorzio ha chiesto se l’art. 9 del Dl. n. 90/2014, nella parte in cui disciplina la corresponsione dei compensi professionali (le cd. “propine”) in favore degli Avvocati incardinati nelle strutture pubbliche, debba essere limitato alle ipotesi in cui gli Enti abbiano ottenuto Sentenza favorevole con recupero delle spese legali o con compensazione integrale, ovvero se possa essere esteso anche ai diversi casi di “provvedimenti decisori pronunciati dagli Organi giudiziari”, nonché “di estinzione del giudizio per perenzione, rinuncia di controparte o abbandono della controversia o, in generale, per inattività della controparte in qualsiasi fase del giudizio cautelare, di merito o di esecuzione che comporti la completa salvaguardia dei beni e diritti dell’Ente”.

La Sezione chiarisce che i compensi aggiuntivi non hanno la funzione di remunerare l’intera attività dei Professionisti legali interni, ma possono essere erogati soltanto nelle ipotesi espressamente contemplate dalla legge. Nello specifico, l’art. 9 del Dl. n. 90/2014 fa testualmente riferimento soltanto alle “Sentenze favorevoli”, con recupero delle spese legali o con compensazione integrale, proprio perché il presupposto per l’erogazione dei compensi aggiuntivi è costituito dall’esito vittorioso della lite, riscontrabile nelle Sentenze che definiscono la fase di giudizio respingendo le domande di controparte per ragioni processuali o di merito, ma certamente non nei casi “di estinzione del giudizio per perenzione, rinuncia di controparte o abbandono della controversia o, in generale, per inattività della controparte in qualsiasi fase del giudizio cautelare, di merito o di esecuzione che comporti la completa salvaguardia dei beni e diritti dell’Ente”, oltre che di abbandono o rinuncia con onere delle spese.


Related Articles

Unioni civili: per la Corte Costituzionale la scelta di un cognome comune non modifica la scheda anagrafica individuale

La funzione del “cognome comune”, scelto dalle parti una unione civile come cognome d’uso senza valenza anagrafica, non determina alcuna

Appalti pubblici elettronici: al via la consultazione

Con una Nota datata 7 agosto 2015, l’Autorità nazionale Anticorruzione ha annunciato l’avvio di una consultazione pubblica in materia di

Inps: estesa la cumulabilità dell’indennità di mobilità alle cariche pubbliche non elettive degli Enti Locali

L’Inps – Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito, con la Circolare n. 207 del 28 dicembre 2015, ha esteso

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.