Comuni italiani contano mediamente 7.498 abitanti contro i 58.990 della Danimarca: solo 141 le fusioni approvate in 16 anni

Comuni italiani contano mediamente 7.498 abitanti contro i 58.990 della Danimarca: solo 141 le fusioni approvate in 16 anni

DOSSIER A CURA DI CENTRO STUDI ENTI LOCALI

A dispetto dei numerosi incentivi pensati negli anni per promuovere le fusioni e le unioni di Comuni, l’Italia continua ad essere un paese fortemente frammentato dal punto di vista amministrativo. Oltre 5500 comuni italiani (il 70% del totale) hanno meno di 5mila abitanti. Tutti insieme, queste migliaia di enti, contano meno di 10 milioni di abitanti (9.768.705). Messa in altri termini, il 70% dei sindaci rappresenta circa il 16% degli italiani. Sono alcuni dei dati emersi da una elaborazione di Centro Studi Enti Locali basata su dati Istat ed Eurostat.

Nonostante gli indubbi vantaggi che l’accorpamento di amministrazioni diverse comporterebbe sia in termini di contenimento dei costi che di efficienza dei servizi, tra il 1995 e il 2020 sono andate in porto soltanto 141 fusioni, di cui 107 nelle regioni a statuto ordinario e 34 in quelle a statuto speciale. Queste si sono concentrate soprattutto nell’Italia del Nord, con in testa Lombardia (31 fusioni), Trentino Alto Adige (29), Piemonte (22) e Veneto, che ne ha registrate 14 così come la Toscana. Tredici le fusioni su terra emiliana, 8 quelle tra enti marchigiani, 5 quelle friulane e, per finire, 2 fusioni in Calabria e una in Puglia, Liguria e Campania.

Constatata la scarsa popolarità delle fusioni spontanee, negli anni sono stati fatti diversi tentativi di calare una mannaia per ridurre, dall’alto, il numero dei comuni italiani. Un esempio relativamente recente, che non ebbe alcun seguito, è il Ddl. 3420. Correva l’anno 2016. La proposta di legge nacque in seno al PD, su iniziativa dei deputati Lodolini, Fanucci, Zoggia, Ascani, Boldrini, Bossio, Fedi, Fragomeli, Gandolfi, Giuseppe Guerini, Lattuca, Naccarato, Patriarca, Pelillo, Petrini, Salvatore Piccolo, Porta, Sbrollini, Valente e Zan. L’idea era quella di rendere obbligatoria la fusione tra tutti i comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.

Nel testo della proposta di legge si sottolineava come fosse ormai “statisticamente provato che la fascia dei comuni tra 5.000 e 10.000 abitanti è quella che consente una dimensione ottimale perché, da un lato, consente il mantenimento di una dimensione a misura d’uomo, di un ambiente nel quale ci si conosce e dove è anche bello vivere e, dall’altro, coniuga questo aspetto con la capacità dell’Ente comunale di offrire buoni servizi, realizzando economie di scala che consentono l’ottimizzazione delle risorse. Questa fascia, peraltro, è quella in cui è stata osservata nei comuni la più bassa spesa pro capite delle funzioni di amministrazione generale”.

Una fascia demografica, quella – almeno sulla carta – ottimale, che in Italia conta soltanto 1.178 comuni (il 15% del totale). Ancora meno sono le amministrazioni che contano tra 10mila e 15mila abitanti (6% del totale), mentre sono 732 gli enti che stanno al di sopra dei 15mila abitanti.

Ma l’Italia rappresenta un caso unico in Europa? Qual è la dimensione media delle unità amministrative paragonabili ai nostri comuni, nel resto degli stati membri?

In realtà no. L’Italia è in buona compagnia in UE in tema di popolosità dei propri enti locali. I nostri comuni contano mediamente 7.498 abitanti ma ci sono ben 9 Paesi al di sotto di questa media. Lo stato membro dove le unità amministrative locali sono mediamente più piccole è la Repubblica Ceca che, a fronte di una popolazione totale di 10,7 milioni di abitanti, conta ben 6.258 obcí (suddivisioni territoriali di secondo livello, paragonabili ai nostri comuni) che contano mediamente 1.710 abitanti. Rientrano al di sotto dei 2mila abitanti medi per unità amministrativa locale anche la Grecia (1.763), la Slovacchia (1.865) e la Francia (1.911). Quest’ultimo è il paese europeo che conta in assoluto il numero più alto di comuni: ben 34.966 a fronte di una popolazione di poco superiore a quella italiana (66.816.191 contro i 59.257.566 italiani, dati Eurostat aggiornati al 2021).

Mediamente poco popolosi anche gli enti locali ungheresi, che contano 3.084 abitanti, portoghesi (3.416), austriaci (4.264) e lussemburghesi (6.223) e romeni (6.944).

All’Ungheria spetta il record del comune in assoluto più piccolo, quello di Debréte, che conta – stando ai dati Eurostat riferiti al 2021 – solo 8 abitanti.

Tendenzialmente è nel nord Europa che le Amministrazioni sono dimensionalmente più grandi: in vetta alla classifica la Danimarca che conta solo 99 kommuner cui fanno capo, mediamente, poco meno 60mila persone (58.990). Seguono l’Olanda, dove la popolazione media delle 355 unità amministrative locali è di 49.035 abitanti, la Lituania (popolazione media 46.595), la Svezia (35.791), l’Irlanda (28.686 abitanti) e la Bulagaria (26.100).

 Unità amministrative localiPopolazione media comuni (o affini)
BELGIO58119.907
BULGARIA26526.100
REPUBBLICA CECA 6.2581.710
DANIMARCA9958.990
GERMANIA11.0027.558
ESTONIA7916.790
IRLANDA16628.686
GRECIA6.1371.763
SPAGNA8.131n.a.
FRANCIA34.9661.911
CROAZIA5567.707
ITALIA7.9037.498
CIPRO615n.a.
LETTONIA11915.904
LITUANIA6046.595
LUSSEMBURGO1026.223
UNGHERIA3.1553.084
MALTA687.590
OLANDA35549.035
AUSTRIA2.0954.264
POLONIA2.47715.448
PORTOGALLO3.0923.416
ROMANIA 3.1816.944
SLOVENIA2129.948
SLOVACCHIA2.9271.865
FINLANDIA31017.824
SVEZIA 29035.791
 95.2014.220

Related Articles

“Ddl. Bilancio” e “Recovery fund”: il calendario cui il Governo italiano deve attenersi per centrare i prossimi obiettivi-chiave

“Non c’è pace per l’Esecutivo”. Potrebbe essere questo il motto di questo autunno-inverno, posto che il calendario delle scadenze legate

Acquisti P.A.: dal 9 agosto 2016 l’obbligo per gli Enti Locali di fare ricorso ai soggetti aggregatori per 5 categorie merceologiche

Per Comuni e Città metropolitane scatta, dal 9 agosto 2016, l’obbligo di fare ricorso ai soggetti aggregatori per gli acquisti

Opere pubbliche per messa in sicurezza di edifici e territorio: ripartiti i contributi istituiti dalla “Legge di bilancio 2018”

Con Decreto interministeriale 6 marzo 2019, diffuso l’8 marzo 2019 sul sito del Ministero dell’Interno –Direzione centrale della Finanza locale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.