Concessionaria di servizi di trasporto pubblico: la competenza sulla domanda di adeguamento dei contributi dovuti è del Giudice ordinario

Concessionaria di servizi di trasporto pubblico: la competenza sulla domanda di adeguamento dei contributi dovuti è del Giudice ordinario

Sulla competenza del g.o. sulla domanda, avanzata da un’impresa concessionaria di servizi di trasporto pubblico, di adeguamento dei contributi dovuti, in osservanza degli operanti criteri legali di derivazione comunitaria.

Appartiene alla giurisdizione del g.o. la controversia sulla domanda, avanzata da un’impresa concessionaria di servizi di trasporto pubblico, di adeguamento dei contributi dovuti dall’ente territoriale, in osservanza degli operanti criteri legali di derivazione comunitaria, in quanto non sono ravvisabili, nel procedimento amministrativo di accertamento del quantum, momenti di valutazione comparativa degli interessi privati e pubblici in gioco ma esclusivamente l’applicazione di un parametro di natura normativa. Ne consegue che, la posizione giuridica soggettiva astrattamente azionata è qualificabile come diritto soggettivo ad ottenere l’adempimento di un’obbligazione pecuniaria.

 

Corte di Cassazione, SS.UU., 30/11/2018 n. 31108

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Primo Presidente

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente di Sez.

Dott. MANNA Felice – Presidente di Sez.

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere

Dott. SAMBITO Maria Giovanna – Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul conflitto di giurisdizione iscritto al NRG 13094 del 2018 sollevato con ordinanza in data 26 aprile 2018 dal Tribunale amministrativo regionale della Campania nel procedimento, avente numero di registro generale 1517 del 2013, pendente tra:

(OMISSIS) s.r.l. – (OMISSIS);

– non costituito in questa sede –

e

REGIONE CAMPANIA e PROVINCIA DI NAPOLI;

– non costituiti in questa sede –

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 6 novembre 2018 dal Consigliere Dr. Alberto Giusti;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dr. Cardino Alberto, che ha chiesto dichiararsi la giurisdizione del giudice ordinario.

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, con atto di citazione notificato l’8 e il 12 maggio 2009, l’ (OMISSIS) s.r.l. – (OMISSIS), premettendo di avere stipulato in data 23 dicembre 2002 un contratto con la Regione Campania per l’espletamento del servizio di trasporto pubblico su gomma nell’isola di Capri per il corrispettivo annuale di Euro 849.055,14, ha dedotto che tale contratto veniva prorogato negli anni successivi senza tuttavia aumentarne il corrispettivo, nonostante i costi sostenuti, il che aveva determinato notevoli perdite per essa societa’ esecutrice del servizio, per cui ha chiesto al Tribunale di Napoli la condanna delle convenute Regione Campania e Provincia di Napoli al pagamento della somma di Euro 2.986.025,84, a titolo di adeguamento e revisione del corrispettivo ed erogazione di pubblica contribuzione;

che la Regione Campania e la Provincia di Napoli si sono costituite, preliminarmente eccependo il difetto di giurisdizione del giudice ordinario;

che il Tribunale di Napoli, con sentenza n. 123/2013 resa pubblica mediante deposito in cancelleria il 7 gennaio 2013, ha dichiarato il difetto di giurisdizione del giudice ordinario, ricorrendo la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, sul rilievo che le domande proposte sono incentrate sul mancato esercizio da parte delle pubbliche amministrazioni del potere pubblicistico di procedere alla revisione in adeguamento del corrispettivo per la concessione del servizio di trasporto pubblico nonche’ sul mancato esercizio del potere pubblicistico di erogare contribuzioni per l’espletamento di tale pubblico servizio;

che, con ricorso notificato il 3 aprile 2013 e depositato il 5 aprile 2013, ….

 

 

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

 

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.

 

 


Related Articles

“Pcc”: “via libera” al rilascio della certificazione su istanza anche per fatture non contabilizzate

Con una Nota pubblicata sul Portale istituzionale della “Piattaforma certificazione crediti” il 9 novembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle

Debiti P.A.: presentate oltre 11.000 istanze di certificazione di crediti in una settimana 

Con il Comunicato 3 novembre 2014, pubblicato sul proprio sito, il Mef ha reso noto che sono state presentate –

Terzo Settore: nuove regole per il versamento della quota degli utili delle Cooperative

Con il Decreto 23 luglio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 225 del 27 settembre 2014, il Ministero dello Sviluppo economico

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.