Condanna di un Sindaco per il danno da un illecito pagamento disposto al titolare dell’impresa fallita anziché al Curatore fallimentare

Condanna di un Sindaco per il danno da un illecito pagamento disposto al titolare dell’impresa fallita anziché al Curatore fallimentare

Corte dei conti, Sezione Terza Giurisdizionale Centrale d’Appello, Sentenza n. 154 del 13 aprile 2017

Fatto:

Nel giugno 2010 il Sindaco di questo Comune laziale, con propria Determinazione, aveva disposto il pagamento di 2 fatture (del marzo/aprile 2005), per un importo complessivo di Euro 85.800,00; a ciò seguiva l’Ordine di servizio dello stesso Sindaco, diretto al Servizio “Finanziario”, di versare tale importo “direttamente sul conto personale dell’ex Amministratore” della Società. La Procura contabile ha affermato che i pagamenti erano “avvenuti a distanza di 3 anni dalla chiusura dei rapporti con la ditta e addirittura

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi compensativi del mancato gettito derivante dall’introduzione della Tasi

In applicazione di quanto disposto dall’art. 1, comma 892, della “Legge di bilancio 2019”, la Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali,

Tarsu: la Tassa è dovuta anche in presenza di atti vandalici

Nell’Ordinanza n. 18854 del 23 settembre 2015 della Corte di Cassazione, in tema di Tarsu, sulla base degli artt. 62

Gettone di presenza ai Consiglieri comunali in conseguenza della loro partecipazione alla Conferenza del Capigruppo

Nella Delibera n. 113 del 9 ottobre 2017 della Corte dei conti Umbria, viene chiesto un parere sulla possibilità di