Contenzioso tributario: l’atto di autotutela parziale non è impugnabile

Contenzioso tributario: l’atto di autotutela parziale non è impugnabile

Nella Sentenza n. 7511 del 15 aprile 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di contenzioso tributario, l’atto con il quale l’Amministrazione manifesti il rifiuto di ritirare, in via di autotutela, un atto impositivo divenuto definitivo, non rientra nella previsione di cui all’art. 19 del Dlgs. n. 546/92.

L’atto non è pertanto impugnabile, sia per la discrezionalità da cui l’attività di autotutela è connotata, sia perché, altrimenti, si darebbe il via ad una inammissibile controversia sulla legittimità di un atto impositivo ormai definitivo.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 7511 del 15 aprile 2016


Related Articles

“Definizione agevolata delle controversie tributarie”: ulteriori chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito web istituzionale la Circolare n. 23/E del 25 settembre 2017, contenente risposte

Ici/Imu: il trattamento impositivo dei Consorzi Asi

Nell’Ordinanza n. 4759 del 24 febbraio 2020 della Corte di Cassazione, l’art. 36, comma 4, della Legge n. 317/1992, stabilisce

Tributi: disposta la sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari per i Comuni colpiti dal sisma

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha disposto la sospensione fino al 20 dicembre 2016 dei versamenti e degli adempimenti