Contratti pubblici: nuovo Regolamento di vigilanza e accertamenti ispettivi

Contratti pubblici: nuovo Regolamento di vigilanza e accertamenti ispettivi

L’Anac, il 15 dicembre 2014, ha approvato il nuovo Regolamento di vigilanza in materia di contratti pubblici, che entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Il Regolamento è l’espressione della nuova visione della funzione di vigilanza ed è coerente con la nuova organizzazione che ha incardinato la programmazione strategica ed il coordinamento delle funzioni ispettive nelle strutture di Presidenza. La semplificazione, la responsabilizzazione dei Dirigenti e dei Funzionari dell’Autorità, insieme alla previsione che consente, per la prima volta, di sanzionare le Stazioni appaltanti che non provvedono a fornire tempestivamente le informazioni richieste nell’atto di vigilanza sono solo alcune delle novità di maggiore rilievo che sono state introdotte.

L’Authorityha manifestato la propria volontà di rafforzare il proprio impegno per la trasparenza stabilendo l’adozione, entro il 31 gennaio di ogni anno, di una direttiva programmatica di vigilanza che indichi gli indirizzi generali dell’azione dell’Autorità nel Settore degli appalti e dei contratti pubblici e stabilisca un ordine di priorità nella trattazione degli esposti.

E’ stata inoltre introdotta la vigilanza collaborativa: uno strumento innovativo che serve ad attivare, su richiesta dalle stazioni appaltanti, un intervento a carattere prevalentemente preventivo finalizzato non solo a garantire il corretto svolgimento delle operazioni di gara e dell’esecuzione dell’appalto, ma anche ad impedire tentativi di infiltrazione criminale nell’ambito degli appalti. La vigilanza collaborativa potrà anche essere richiesta nei casi in cui l’Autorità giudiziaria proceda per i delitti di cui all’art. 32, comma 1 del Dl. n. 90/14 o in presenza di rilevate situazioni anomale o comunque sintomatiche di condotte illecite.


Tags assigned to this article:
anacregolamento

Related Articles

Contenzioso: produzione in giudizio di documenti non presentati all’Amministrazione

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 25334 del 28 novembre 2014, ha affermato che la sanzione dell’inutilizzabilità in

Ministero Ambiente: criteri ambientali minimi per la sostenibilità dei consumi della P.A.

È stato pubblicato sulla G.U n. 23 del 28 gennaio 2017 il Decreto 11 gennaio 2017 del Ministero dell’Ambiente e

Gravi illeciti professionali: la valutazione è rimessa alla stazione appaltante

Nella Sentenza n. 2245 del 2 aprile 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il concetto di “grave