Contratti secretati: siglata l’intesa tra Anac e Corte dei conti per vigilare sugli stessi e dare linee d’indirizzo agli Enti

Contratti secretati: siglata l’intesa tra Anac e Corte dei conti per vigilare sugli stessi e dare linee d’indirizzo agli Enti

Con un Comunicato congiunto datato 2 febbraio 2017, il Presidente della Corte dei conti, Arturo Martucci di Scarfizzi, e il Presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno reso noto di aver sottoscritto un Protocollo d’intesa in materia di contratti secretati ex artt. 162, comma 5, e 213, comma 3, lett. a), del Dlgs. n. 50/16.

L’intesa mira a intensificare la collaborazione tra le 2 Istituzioni mediante lo scambio di informazioni e dati. In particolare, come precisato dall’art. 2 del Protocollo, la Magistratura contabile e l’Autorità si impegnano a scambiarsi segnalazioni, informazioni, esposti e denunce concernenti l’aggiudicazione, la stipulazione e l’esecuzione di contratti secretati o che esigono particolari misure di sicurezza. Ciò nel rispetto delle esigenze di riservatezza e della normativa sul segreto.

Le parti hanno inoltre stabilito delle casistiche di rilievo generale, desumibili dall’attività di controllo della Corte e da quella di vigilanza dell’Autorità (nella fase antecedente all’aggiudicazione ovvero nella fase esecutiva del contratto), al fine di consentire l’elaborazione di un compendio delle osservazioni rese dalla Corte in sede di controllo preventivo e successivo nonché l’elaborazione di “Linee guida” da parte dell’Autorità soprattutto sui presupposti per il ricorso alla secretazione.


Related Articles

Modello “F24”: esteso l’uso a tutti gli Enti di previdenza

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 16 del 21 gennaio 2014 il Decreto 10 gennaio 2014, emanato dal Mef di

Crisi greca: il Mef fa chiarezza sull’esposizione italiana

  Con una Nota diffusa il 29 giugno 2015 sul proprio Portale istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha

Impugnabilità del ruolo: ammissibile quando non è stato validamente notificato

Nella Sentenza n. 19704 del 2 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che è ammissibile l’impugnazione della