Contributi agli agricoltori: aggiornate le banche catastali dei Comuni interessati, consultabili presso i singoli Enti gli elenchi delle particelle

Con un Comunicato pubblicato sulla G.U. n. 304 del 30 dicembre 2013, l’Agenzia delle Entrate, sulla base di quanto previsto dall’art. 2, comma 33, del Dl. n. 262/06, convertito con modificazioni dalla Legge n. 286/06 (“Finanziaria 2007”), ha diffuso l’elenco dei Comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca-dati catastale eseguita sulla base del contenuto delle Dichiarazioni presentate nell’anno 2013 agli Organismi pagatori, riconosciuti ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli. Nell’elenco  allegato  al Comunicato – consultabile sul sito www.entilocaliweb.it – i  Comuni interessati sono riportati in ordine alfabetico, per Provincia.

Gli elenchi delle particelle interessate dall’aggiornamento, ovvero di ogni porzione di particella a diversa coltura, indicanti la qualità catastale, la classe, la superficie ed i redditi dominicale ed agrario, nonché il  simbolo di deduzione ove presente, sono consultabili, per i 60 giorni successivi alla pubblicazione del Comunicato in esame, presso ciascun Comune interessato, presso le sedi dei competenti Uffici  provinciali – Territorio  dell’Agenzia delle Entrate e sul sito internet della stessa Agenzia. Eventuali ricorsi di cui all’art. 2, comma 2, del Dlgs. n. 546/92, avverso la variazione dei redditi, possono essere proposti entro il termine di 120 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente comunicato nella G.U., innanzi alla Commissione tributaria provinciale competente per territorio.


Tags assigned to this article:
agricoltori

Related Articles

Astensione obbligatoria di componenti di Commissione di concorso

Nella Sentenza n. 999 del 25 gennaio 2019 del Tar Lazio, i Giudici affermano che la particolare vicinanza tra un

Società a partecipazione pubblica: a 3 anni dalla pubblicazione del Tusp, arrivano le bozze dei Decreti attuativi su compensi e requisiti

A distanza di quasi 3 anni dall’entrata in vigore del Dlgs. n. 175/2016 (“Testo unico in materia di Società a

“Soccorso istruttorio”: non può essere utilizzato per supplire a carenze dell’offerta

Nella Sentenza n. 1320 del 23 marzo 2017 del Consiglio di Stato, una Società partecipava ad una gara per l’aggiudicazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.