“Controllo analogo” Società “in house” pluripartecipata: è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”

“Controllo analogo” Società “in house” pluripartecipata: è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”

Nella Sentenza n. 2599 del 4 aprile 2018 del Consiglio di Stato, vengono impugnati gli atti con cui un Comune ha affidato “in house” il “Servizio di igiene urbana” ad una Società partecipata da diversi Enti Locali.

I Giudici rilevano che, in caso di Società partecipata da più Autorità amministrative, non è indispensabile che ciascuna di queste detenga da sola un potere di controllo individuale sulla Società, ma è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”, attraverso la partecipazione di ciascuno di essi, sia al capitale, sia agli Organi direttivi dell’entità suddetta.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Conferenza delle Regioni: pubblicati 4 documenti che riassumono le nuove regole in materia di appalti pubblici

La Conferenza delle Regioni e delle Autonomie locali ha elaborato – in collaborazione con l’Istituto per l’innovazione e la trasparenza

Il “Piano nazionale Anticorruzione 2016”: tutte le novità

L’adozione da parte di Anac del nuovo “Piano nazionale Anticorruzione” interviene in un momento a dir poco delicato per gli