“Controllo analogo” Società “in house” pluripartecipata: è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”

“Controllo analogo” Società “in house” pluripartecipata: è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”

Nella Sentenza n. 2599 del 4 aprile 2018 del Consiglio di Stato, vengono impugnati gli atti con cui un Comune ha affidato “in house” il “Servizio di igiene urbana” ad una Società partecipata da diversi Enti Locali.

I Giudici rilevano che, in caso di Società partecipata da più Autorità amministrative, non è indispensabile che ciascuna di queste detenga da sola un potere di controllo individuale sulla Società, ma è sufficiente che i soci pubblici esercitino un “controllo congiunto”, attraverso la partecipazione di ciascuno di essi, sia al capitale, sia agli Organi direttivi dell’entità suddetta.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Esclusione gara: possibile senza invito a regolarizzazione Durc? Da Palazzo Spada e Tar 2 pronunce opposte

Nella Sentenza n. 781 del 16 febbraio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che il requisito della regolarità

Soggetti in quiescenza: via libera al conferimento di incarichi professionali di rappresentanza e patrocinio giudiziali

Nella Delibera n. 193 del 6 novembre 2014 della Corte dei conti Puglia viene richiesto un parere in merito alla

Incompatibilità: un Assessore che è anche dipendente pubblico può essere nominato Presidente del Cda di una Società “in house”?

Il testo del quesito: “Puó l’Assessore di un Comune con popolazione inferiore a 15.000 abitanti – che è anche un