Covid, Inps: picco malattia a gennaio 2022 con 30 milioni di giornate non lavorate

Covid, Inps: picco malattia a gennaio 2022 con 30 milioni di giornate non lavorate

(Adnkronos) – La pandemia ha inciso pesantemente sul mondo del lavoro sia in termini di sospensione delle attività e il conseguente ricorso alla cig, sia in termini di giornate non lavorate per malattia. Secondo il XXI Rapporto annuale Inps, dall’inizio della pandemia (gennaio 2019), nel settore privato, si è toccato il picco nel mese di gennaio 2022 con quasi 30 milioni di giornate di malattia, un valore che corrisponde a ben oltre un milione di assenti full month equivalent. Nel dato sono comprese le assenze dei soggetti fragili e in quarantena. 

“L’impatto della pandemia nella riduzione dell’input di lavoro, anche senza ridurre i posti di lavoro, non si registra quindi solamente con i dati sul ricorso alle sospensioni ma anche con quelli relativi all’impatto delle assenze per malattia (o per quarantena): all’inizio del 2022 questa è stata la causa del maggior numero di giornate lavorative perse”, si legge nel Rapporto Inps. 

Inoltre, aggiunge l’Istituto, va considerato che “l’impatto degli eventi di malattia è per definizione meno prevedibile e quindi, per le aziende, organizzativamente più difficile da gestire che non il ricorso alle sospensioni”. 

E se i cassintegrati Inps (sono esclusi dal conteggio gli artigiani cui provvede il Fsba, Fondo solidarietà bilaterale artigianato) hanno superato i 5 milioni ad aprile 2020, in seguito sono diminuiti rapidamente. 

Il numero di malati, invece, dopo una prima impennata a marzo 2020, è divenuto di eccezionale rilevanza a gennaio 2022 quando si sono superati i 3 milioni di assenti per malattia (o quarantena).  

L’intensità – e le conseguenti oscillazioni – nel numero di malati risulta accentuata nell’ambito del lavoro dipendente privato; anche per il settore pubblico si registra comunque il picco di assenze a gennaio 2022, con circa 750.000 dipendenti malati.  


Related Articles

Studio sindacati europei, ‘ferie più lunghe dove c’è contrattazione collettiva’

I lavoratori europeo ottengono ferie più lunghe nei luoghi dove si pratica la contrattazione collettiva. Lo rivela uno studio della

Lavoro, Bracco: “Gender equity? Avanti troppo lentamente, da noi resistenze culturali”

(Adnkronos) – “Procediamo troppo lentamente. Ogni impresa e ogni nazione dovrebbe avvalersi appieno dello straordinario contributo delle donne. D’altronde in

Cida-Adapt, da dati Labour issues alcune indicazioni contro la disoccupazione giovanile

(Adnkronos) – Cambiamenti nei sistemi educativi, nel rapporto tra scuola e lavoro, nell’accesso al lavoro e nei servizi alle persone:

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.