Credito comunale privilegiato vantato nei confronti del Concessionario fallito

Credito comunale privilegiato vantato nei confronti del Concessionario fallito

Nell’Ordinanza n. 22420 del 13 settembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sul credito che un Comune vanta nei confronti del Concessionario fallito. La Suprema Corte chiarisce che la riscossione delle Imposte pubbliche  viene espletata attraverso l’affidamento del servizio ad un Ente privato in forza di un atto amministrativo avente natura di concessione, per cui quello che si instaura tra tale soggetto e l’Ente impositore non è un rapporto privatistico di mandato, bensì concessorio, articolato sulle scansioni delle potestà di diritto pubblico, perché finalizzato a riscuotere i tributi con l’obbligo di riversarli all’Ente impositore, detratto l’aggio convenuto. Pertanto, in caso di insolvenza del Concessionario e di sua conseguente ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria, legittimamente l’Ente impositore insinua al passivo il proprio credito in via privilegiata ex art. 2752 del Cc., poiché lo stesso riguarda i tributi già incassati dai contribuenti, i quali non perdono i caratteri propri dell’entrata fiscale disperdendosi nell’attivo patrimoniale della Società, ma mantengono la loro natura, restando ancorati alla finalità pubblicistica cui gli stessi sono funzionali. Quindi, il credito che il Comune vanta nei confronti del Concessionario fallito è privilegiato.


Related Articles

Edilizia residenziale pubblica convenzionata: rimozione del vincolo sul prezzo di cessione di alcuni alloggi

Nella Delibera n. 116 del 14 settembre 2020 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede di conoscere se alla

Ponderazione di interessi nel trasferimento di sede delle Farmacie

Consiglio di Stato, Sez. III, 2 dicembre 2019 n. 8238 Il Comune non può bloccare il trasferimento in periferia dell’unica

Plichi di gara: non è necessario che vengano specificate nei verbali le modalità di conservazione

Nella Sentenza n. 3649 del 23 luglio 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici statuiscono che, in assenza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.