Deposito temporaneo rifiuti nello stabilimento del produttore iniziale: non occorrono autorizzazioni e iscrizioni

Deposito temporaneo rifiuti nello stabilimento del produttore iniziale: non occorrono autorizzazioni e iscrizioni

Nella Sentenza n. 3285 del 2 luglio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che, per l’attività di deposito temporaneo dei rifiuti all’interno dello stabilimento del produttore iniziale, non sono necessarie le autorizzazioni e le iscrizioni previste dall’art. 183 del Dlgs. n. 152/06. Nello specifico, è estraneo dalle attività assoggettate alle autorizzazioni e alle iscrizioni previste dall’art. 183 del Dlgs. 152/06 l’attività di deposito temporaneo dei rifiuti all’interno dello stabilimento del produttore iniziale. Dunque, nel caso di specie, inerente una gara indetta da una Azienda ospedaliera per l’affidamento del “Servizio di pulizia” delle aree esterne nonché delle

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Consiglio di Stato: un Comune puó gestire una Farmacia con Società a capitale pubblico/privato anche in assenza di farmacisti gestori di Farmacie comunali

Nella Sentenza del Consiglio di Stato, Sezione Terza, n. 5389 del 31 ottobre 2014, con ricorso proposto avanti al Tar,

Revisione periodica delle partecipate e Piano di razionalizzazione: pubblicati gli indirizzi e le schede sul Portale del Tesoro

Entro il prossimo 31 dicembre 2019, tutte le Pubbliche Amministrazioni, come definite dall’art. 2, comma 1, del Dlgs. n. 175/2016

Iva: non si applica il “reverse charge” all’attività di verifica di impianti elettrici di messa a terra

Con la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 111/E del 11 agosto 2017, viene confermata l’inapplicabilità del “reverse charge” all’attività di