Dichiarazioni fiscali: ribadite le regole su obblighi di firma e conservazione

Dichiarazioni fiscali: ribadite le regole su obblighi di firma e conservazione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 217 del 26 aprile 2022, in risposta ad un Intermediario abilitato agli invii telematici, ha fornito chiarimenti in merito agli obblighi di sottoscrizione e conservazione delle Dichiarazioni fiscali trasmesse e degli altri documenti, ai sensi dell’art. 3, comma 9-bis, del Dpr. n. 322/1998.

L’Agenzia ha richiamato in primo luogo le recenti Risposte n. 518/2019 e n. 619/2020, nella quali è stato precisato, tra l’altro, che “[…] la Dichiarazione inviata deve essere sottoscritta dal solo contribuente e/o sostituto e non anche dall’Intermediario; d) gli obblighi di conservazione sono differenziati in ragione dei soggetti coinvolti, dovendo contribuenti e sostituti d’imposta conservare l’originale sottoscritto (unitamente ai documenti rilasciati dall’incaricato di predisporre/trasmettere la Dichiarazione) e gli incaricati conservare la copia della dichiarazione trasmessa. Sono valide, a questo fine, sia modalità analogiche sia elettroniche, fermo restando che, trattandosi di documenti fiscalmente rilevanti, la conservazione solo digitale implica il rispetto del Dm. 17 giugno 2014 e delle disposizioni cui lo stesso rinvia, in primis il Dlgs. n. 82/2005 (‘Codice dell’Amministrazione digitale’ o ‘Cad’). Alla luce di quanto sopra, si ritiene condivisibile qualunque procedura che si conformi ai principi espressi” (così, in particolare, la citata Risposta n. 619/2020). 

In risposta al caso in esame, in assenza di specifiche modifiche normative intervenute nelle more, l’Agenzia ha confermato quanto già sopra indicato, e dunque: 

– l’assenza di un obbligo, in capo all’Intermediario, di sottoscrizione della Dichiarazione trasmessa e, in conseguenza, delle relative copie; 

– la circostanza che le Dichiarazioni sono pur sempre documenti fiscalmente rilevanti e la loro conservazione deve avvenire nel rispetto della normativa vigente, ossia, qualora si tratti di documenti informatici (perché originati come tali o in essi trasformati nel rispetto delle prescrizioni di legge), in primis il Dlgs. n. 82/2005 (c.d. “Codice dell’Amministrazione digitale” o “Cad”) ed i relativi Decreti attuativi, tra cui, per lo specifico ambito tributario, il Dm. 17 giugno 2014, recante “Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto”. 

L’Agenzia ha evidenziato peraltro che il rispetto delle disposizioni del richiamato Dm. 17 giugno 2014 non riguarda solo le Dichiarazioni dei redditi (e le relative copie), ma anche tutti gli altri documenti rilevanti ai fini tributari che gli Intermediari trasmettono all’Agenzia delle Entrate e/o gestiscono in adempimento degli obblighi assunti nei confronti dei contribuenti, curandone per qualsiasi ragione la conservazione (es. Esterometro, Dichiarazioni d’intento, Modelli “F24”, i Modelli di variazione dei dati Iva, ecc.) ed altri che possono parimenti rientrare nella normale attività degli Intermediari (es. Lipe trimestrali). 

Quanto al rinvio contenuto nell’art. 3, comma 9-bis, del Dpr. n. 322/1998, a mente del quale i soggetti incaricati della trasmissione delle Dichiarazioni conservano copia di quelle trasmesse “per il periodo previsto dall’art. 43 del Dpr. n. 600/1973”, l’Agenzia ha evidenziato che il relativo termine non può essere inteso in maniera statica – ossia “il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la Dichiarazione” (cfr. l’attuale art. 43, comma 1) – ma come “termine per l’accertamento” del periodo d’imposta di riferimento (si veda, in questo senso, la rubrica dello stesso art. 43). Così, non solo esso troverà applicazione anche per Dichiarazioni diverse da quelle sui redditi – tipicamente la Dichiarazione Iva, stante il combinato disposto degli artt. 57 del Dpr. n. 633/1972 e 8 del Dpr. n. 322/1998 – ma altresì per l’intero arco temporale necessario a tal fine, sia esso diminuito o maggiorato, rispetto a quello ordinario, in ragioni di peculiari previsioni normative (es. emergenze da eventi eccezionali).


Related Articles

“Processo tributario telematico”: estensione dell’applicazione alle Commissioni tributarie di altre 6 Regioni

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 161 del 12 luglio 2016 il Decreto Mef 30 giugno 2016, recante “Estensione a

Corte dei conti: “Necessario ridurre le Stazioni appaltanti, anche al fine di rafforzarne la competenza tecnica”

Con il Comunicato n. 33 del 9 giugno 2020, la Corte dei conti rende nota la Relazione della Sezione centrale

Iva: esente l’attività socio-educativa svolta nelle “agri-comunità” dalle “fattorie didattiche” e dalle “fattorie sociali”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 77/E del 16 ottobre 2018, ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.