Distribuzione del gas: modalità di contabilizzazione delle spese da sostenere per la gara per l’affidamento del servizio

Distribuzione del gas: modalità di contabilizzazione delle spese da sostenere per la gara per l’affidamento del servizio

Nella Delibera n. 59 del 22 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, la richiesta di parere ha ad oggetto “Affidamento del ‘Servizio distribuzione di gas naturale’ — Trattamento contabile anticipi da Concessionari uscenti per gara gas ed oneri di gara”. La richiesta di parere in esame attiene alle modalità di contabilizzazione, nel bilancio dell’Ente Locale che funge da stazione appaltante, delle spese da sostenere per la gara avente ad oggetto l’affidamento del “Servizio di distribuzione del gas naturale”. In sostanza, riguarda le modalità di contabilizzazione del corrispettivo una tantum per la copertura degli oneri di gara che il gestore uscente versa “anticipatamente” all’Ente Locale, stazione appaltante che indice la gara. In particolare, nel caso di specie, l’Ente rappresenta la difficoltà a contabilizzare l’entrata (il corrispettivo una tantum) e le correlate spese (gli oneri della gara) in quanto queste ultime (comprensive anche delle attività propedeutiche come, ad esempio, le perizie) tendenzialmente si ripartiscono in più anni e, generalmente, successivi a quelli in cui la stazione appaltante ha incassato il corrispettivo una tantum dal gestore uscente.

La Sezione rileva che, per far fronte alla difficoltà rappresentata nell’istanza di parere in questione, il Legislatore ha previsto uno strumento specifico volto a mettere in correlazione le entrate e le spese che vengono a scadenza in esercizi finanziari differiti: l’istituto del “Fondo pluriennale vincolato”.

Dunque, la Sezione statuisce, con riferimento alla specifica richiesta di parere, 2 soluzioni a seconda che l’Ente Locale, al momento dell’accertamento dell’entrata de qua, possa impegnare o meno le spese per l’indizione e per l’espletamento della gara.

Nel primo caso, lo strumento più idoneo per procedere alla contabilizzazione delle partite finanziarie oggetto del presente parere va individuato nel “Fondo pluriennale vincolato”, perché esso garantisce la copertura di spese impegnate negli esercizi successivi a quello in corso (oneri della gara) ed evidenzia la distanza temporale intercorrente tra l’acquisizione dell’anticipo corrisposto dal gestore uscente e l’effettivo impiego di detta risorsa per la predisposizione e lo svolgimento della gara avente ad oggetto l’affidamento del servizio di distribuzione del gas. Nel secondo caso, invece, qualora l’Ente possa procedere all’accertamento dell’entrata (corrispettivo una tantum) ma non possa contestualmente procedere all’impegno delle spese (oneri per l’indizione e lo svolgimento della gara), l’entrata dovrà essere vincolata ai futuri impegni mediante l’apposizione di specifico vincolo sull’avanzo di amministrazione.


Related Articles

Clausola sociale: legittima se salvaguarda anche la libertà di impresa del concorrente

Uno dei temi più dibattuti in materia di appalti di servizi è certamente quello relativo alla “clausola sociale”. Si tratta

Clausola sociale: ammesse alcune modifiche in fase di offerta

Nella Sentenza n. 6 del 2 gennaio 2015, del Tar Abruzzo, i Giudici abruzzesi si soffermano sulla questione di legittimità

“Decreto Semplificazioni”: l’avviso sul sito internet per le procedure negoziate senza bando non è una manifestazione di interesse

L’art. 1 del Dl. n. 76/2020 (cd. “Decreto Semplificazioni”), disciplina le procedure di aggiudicazione dei contratti pubblici di importo inferiore