Edificabilità di un’area: dipende dalla qualificazione attribuita dal “Piano regolatore generale”, anche se non approvato dalla Regione

Edificabilità di un’area: dipende dalla qualificazione attribuita dal “Piano regolatore generale”, anche se non approvato dalla Regione

Nella Sentenza n. 16461 del 4 luglio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda alcuni avvisi di accertamento Ici per gli anni 2008, 2009 e 2010 relativamente ad alcuni terreni ritenuti aree fabbricabili.

La Suprema Corte afferma che l’edificabilità di un’area, ai fini dell’applicazione del criterio di determinazione della base imponibile, fondato sul valore venale, deve essere desunta dalla qualificazione ad essa attribuita dal “Piano regolatore generale” adottato dal Comune, indipendentemente dall’approvazione di esso da parte della Regione e dell’adozione di strumenti urbanistici attuativi.


Related Articles

Notifica di un atto tributario: quando si perfeziona?

Nell’Ordinanza n. 20700 del 30 settembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte afferma che, in materia di riscossione

“Tia2”: per la Cassazione è applicabile l’Iva

L’art. 238 del Dlgs. 3 aprile 2006, n. 152 ha soppresso la “Tariffa integrata ambientale”, c.d. “Tia1”, sostituendola con la

Imu: il trattamento impositivo del fabbricato adibito a Scuola paritaria

Nell’Ordinanza n. 9211 del 6 aprile 2021 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’assoggettamento, dapprima ad Ici, e