Entrate patrimoniali: quali passaggi deve adottare la Provincia nei confronti del Comune nella riscossione coattiva?

Entrate patrimoniali: quali passaggi deve adottare la Provincia nei confronti del Comune nella riscossione coattiva?

di Alessandro Maestrelli e Stefano Ciulli

Il testo del quesito:

Se l’atto propedeutico alla riscossione delle entrate patrimoniali resta la diffida, nel caso in cui la Provincia debba procedere alla riscossione coattiva nei confronti di un Comune per un credito Tefa, la prima deve emettere una diffida e messa in mora e poi un accertamento esecutivo, posto che il rapporto tra Provincia e Comune non ha, con riguardo alla Tefa, natura tributaria?

La risposta dei ns. esperti:

Paragonando la procedura di riscossione del Tefa (art. 19 del Dlgs. n. 504/1992) alla procedura di riversamento dell’Imposta di soggiorno (art.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: entro il 29 dicembre il versamento dell’acconto per l’anno 2014

Entro il prossimo 29 dicembre (visto che la scadenza del 27 cade di sabato) è necessario procedere, per gli Enti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.