Esercizio di funzioni dirigenziali a seguito di falsa dichiarazione relativa al possesso di un titolo di studio: è danno erariale

Esercizio di funzioni dirigenziali a seguito di falsa dichiarazione relativa al possesso di un titolo di studio: è danno erariale

Nella Sentenza n. 129 del 31 marzo 2017 della Corte dei conti Campania, la questione controversa ha ad oggetto un danno erariale subìto da un Comune in ragione dell’esercizio delle funzioni dirigenziali, in mancanza del titolo di studio, da parte di un soggetto, per un lasso di tempo che va da gennaio 2004 ad agosto 2015.

Secondo la Sezione, non sempre la mancanza di un titolo, di un attestato o di un’abilitazione implicano la totale inidoneità allo svolgimento di determinate attività (così, ad esempio e ferma restando l’illiceità della condotta, si può saper guidare benissimo anche senza aver mai conseguito

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Covid-19”: le indicazioni per aiutare i Comuni ad orientarsi nel fiume di norme e documenti di prassi che regolano la “Fase 2”

Con l’entrata in vigore, il 18 maggio 2020, del Dpcm. 17 maggio 2020, la c.d. “Fase 2” dell’emergenza scaturita dalla

Appalti: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove soglie comunitarie

A seguito della pubblicazione, sulla G.U. dell’Unione Europea n. L337 del 19 dicembre 2017, dei Regolamenti nn. 2364, 2365, 2366

Tari: approvazione tardiva delle Delibere

Nella Sentenza n. 2189 del 1° aprile 2020 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda le Delibere