Farmacie: istituzione di nuove sedi senza l’acquisizione dei pareri dell’Asl e dell’Ordine dei Farmacisti

Farmacie: istituzione di nuove sedi senza l’acquisizione dei pareri dell’Asl e dell’Ordine dei Farmacisti

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5542 dell’11 novembre 2014, si è espresso sull’istituzione di nuove sedi farmaceutiche e sulla definizione delle relative zone di pertinenza senza l’acquisizione dei pareri (obbligatori ancorché non vincolanti) dell’Azienda sanitaria locale e dell’Ordine dei Farmacisti. I Giudici osservano che l’art. 2 della Legge n. 475/68, come modificato dal Dl. n. 1/12, dispone che l’individuazione delle zone di pertinenza delle Farmacie deve essere fatta dopo aver sentito l’Azienda sanitaria e l’Ordine provinciale dei Farmacisti competente per territorio. Nella fattispecie in esame, il Comune ha adottato la Delibera che conteneva sia l’istituzione delle nuove Farmacie in applicazione del Dl. n. 1/12, sia l’individuazione delle rispettive zone di competenza, senza avere acquisito i pareri (obbligatori ancorché non vincolanti) dell’Azienda sanitaria locale e dell’Ordine dei Farmacisti e pertanto il provvedimento è viziato. Tuttavia i Giudici precisano che occorre delimitare l’oggetto e gli effetti della Sentenza di annullamento, in quanto l’annullamento per il vizio sopra evidenziato investe solo la seconda parte, non la prima. Il medesimo ricorrente non ha mai contestato la legittimità dell’incremento del numero delle Farmacie, derivante da puntuali e cogenti disposizioni normative. Ma, in ogni caso, proprio perché si tratta di provvedimento vincolato, vale l’art. 21-octies della Legge n. 241/90, che esclude l’annullamento dell’atto viziato, qualora sia palese che il dispositivo non avrebbe potuto essere diverso. Quanto detto è rilevante anche con riferimento al bando di concorso pubblicato dalla Regione per l’assegnazione della titolarità delle nuove Farmacie. Esso è stato impugnato dal Farmacista limitatamente all’inserimento a concorso della nuova sede farmaceutica. L’annullamento non investe l’istituzione delle nuove sedi, né in particolare quella della sede in questione, ma solamente l’assegnazione della zona di competenza. In questa situazione, la messa a concorso della nuova sede rimane legittima ed utile, in quanto niente vieta, in linea di principio, che venga messa a concorso una Farmacia mentre l’individuazione della zona è ancora sub iudice. S’intende che il futuro vincitore del concorso conseguirà la sede in quella che sarà la sua configurazione definitiva.


Tags assigned to this article:
farmacie comunali

Related Articles

“Milleproroghe”: verso la proroga dei contratti a tempo determinato per il personale delle Province

Con Nota 8 febbraio 2016, l’Anci ha annunciato l’accoglimento, da parte delle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera,

Notifica: l’attestazione del Pubblico Ufficiale dell’assenza del contribuente fa prova fino a querela di falso

Nella Sentenza n. 17807 del 9 settembre 2016 della Corte di Cassazione, in materia di notificazione degli atti in materia

Servizio “Raccolta rifiuti”: è illegittimo l’affidamento diretto ad una Cooperativa

Nella Sentenza n. 637 del 6 luglio 2015 del Tar Emilia Romagna, i Giudici statuiscono l’illegittimità dell’affidamento diretto del servizio