Fattura elettronica: limitatamente agli appalti pubblici, adesso è obbligatoria anche in Europa

Fattura elettronica: limitatamente agli appalti pubblici, adesso è obbligatoria anche in Europa

­

Dal 18 aprile 2019 per le Amministrazioni centrali e dal 18 aprile 2020 per le Amministrazioni “sub-centrali” (Dlgs. n. 148/2018) è scattato l’obbligo di accettare le fatture in formato elettronico emesse da una Ditta aggiudicatrice di un Paese membro dell’Unione europea. Dunque, anche in Europa, la fattura elettronica diventa un obbligo anche se al momento limitatamente agli appalti pubblici come previsto dalla Direttiva 2014/55/UE.

Le novità per l’Ente Locale italiano non sono impattanti; le fatture estere in questione saranno gestite dal “Sistema di interscambio” e consegnate nelle stesse modalità di quelle emesse dai fornitori nazionali.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Archivi fiscali: le modalità semplificate dell’invio dell’impronta si applicano anche a quelli generati prima del 17 giugno 2014

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 19 gennaio 2015, n. 4, ha fatto chiarezza sull’obbligo dell’invio dell’impronta relativa agli archivi

Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 7 febbraio 2018, ha espresso parere favorevole alla

Iva: natura di contributo delle somme erogate dalle Regioni e dalle Province autonome alle Società di “Trasporto pubblico locale e regionale”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 22 del 31 marzo 2021, ha chiarito la natura di “contributi in conto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.