Fissate regole tecniche Servizio fatturazione automatica: un esempio delle potenzialità offerte dalla digitalizzazione per l’automazione dei processi

Fissate regole tecniche Servizio fatturazione automatica: un esempio delle potenzialità offerte dalla digitalizzazione per l’automazione dei processi

Sono state fissate le regole tecniche del Servizio di fatturazione automatica di cui al comma 2-sexies, art. 5, del Dlgs. n. 82/2005 (“Codice dell’Amministrazione digitale”). A individuarle è stato il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione con il Decreto 12 dicembre 2020, pubblicato sulla G.U. n. 27 del 2 febbraio 2021.

La norma citata getta le basi per la realizzazione di un sistema centralizzato che semplifichi lo scambio di informazioni fra i soggetti coinvolti in una transazione commerciale che prevede l’emissione della fattura elettronica, in maniera tale da favorire la diffusione del Sistema e dei Servizi di fatturazione elettronica da parte di Professionisti e Micro-imprese presso piccoli o medi esercenti che possono riscontrare difficoltà nell’utilizzo dei relativi servizi.

Al contempo, si punta a:

– mettere in piedi un sistema fruibile a richiesta anche da parte di coloro che effettuano acquisti al di fuori dell’esercizio dell’attività di impresa, dell’esercizio di un’arte o di una professione;

promuovere la digitalizzazione dei pagamenti tramite l’utilizzo di carte e strumenti di pagamento tracciabili presso esercenti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato;

  • sfruttare l’evoluzione delle tecnologie già in uso, tra cui l’adeguamento dei sistemi di cassa. 

Al momento la norma non coinvolge direttamente gli Enti Locali ma resta un interessante esempio delle potenzialità offerte dalla digitalizzazione in ambito di automazione dei processi. La Società “PagoPA” Spa, oltre a gestire il nodo dei pagamenti “PagoPA”, la “App IO” mediante la quale viene gestito il “Cashback” e in futuro anche la piattaforma delle notifiche, fungerà anche da hub di un ecosistema nel quale sono coinvolti, cedenti/prestatori, cessionari committenti, prestatori di servizi di pagamento, società di servizi di fatturazione al fine di produrre fatture elettroniche “B2B” e “B2C” per gli acquisti pagati mediante Pos. L’ecosistema realizzato sulla base delle disposizioni indicate dal comma 6-sexies e 6-septies dell’art. 5 del “Codice dell’Amministrazione digitale”, la cui adesione sarà su base volontaria il cui costo sarà ricoperto da una commissione del servizio reso da parte della società di fatturazione, sarà rivolto ad un ambito privatistico piuttosto che verso i soggetti obbligati all’adesione alla piattaforma “PagoPA”. Tuttavia, apre una riflessione sulle potenzialità della gestione dei dati di incasso anche sotto il profilo dell’integrazione con il ciclo attivo di fatturazione, che un’attenta progettazione deve garantire nella logica di automazione dei processi mediante l’applicazione del paradigma “once only” e gestione del dato.


Related Articles

Ict: Cottarelli, con il progresso si risparmia solo se si è disposti a ridurre il personale non necessario

“Se si introducono tecnologie che comportano risparmi di personale bisogna essere pronti a ridurre il personale o a spostarlo su

Regime Iva delle “Agenzie di viaggio”: l’esclusione da “split payment” non vale anche per le fatture d’acquisto se emesse in regime ordinario

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 11 del 18 dicembre 2018, ha chiarito, in risposta ad

“Fondo di solidarietà” 2014: le indicazioni per rateizzare le somme da recuperare

Con il Comunicato 14 novembre 2014, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito delle indicazioni relative

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.