Fondi comunitari strutturali e di investimento: possibilità di utilizzarli per incentivare il personale addetto alla loro gestione

Fondi comunitari strutturali e di investimento: possibilità di utilizzarli per incentivare il personale addetto alla loro gestione

Nella Delibera n. 20 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti-Sezione Autonomie, viene chiesto un parere sulla possibilità di utilizzare i Fondi strutturali e di investimento europei (c.d. “Fondi Sie”) per incentivare il personale regionale addetto alla gestione e al controllo dei Fondi stessi nella realizzazione di iniziative progettuali di sostegno degli interventi finanziati dai Fondi medesimi.

La Sezione chiarisce che i compensi corrisposti a valere sui Fondi strutturali e di investimento europei (“Sie”) in conformità con l’art. 15 del Ccnl. 1° aprile 1999 e con le norme del diritto nazionale e dell’Unione europea, per l’attuazione di Progetti di valorizzazione della produttività individuale del personale regionale addetto alla gestione e al controllo dei Fondi comunitari, non rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 23, comma 2, del Dlgs. n. 75/17, a condizione che siano congruamente predeterminati nel loro ammontare e siano diretti ad incentivare l’impiego pertinente, effettivo e comprovabile di specifiche unità lavorative in mansioni suppletive rispetto all’attività istituzionale di competenza.

Trattandosi di gestione vincolata, i compensi diretti ad incentivare la produttività ed il miglioramento dei servizi saranno riconosciuti nella misura dell’effettivo concorso dei “Fondi Sie”.


Related Articles

Toscana: bando per la videosorveglianza

Tipo fondo: Fondo regionale Beneficiari: Enti Locali o Associazioni di Enti Locali con popolazione complessiva inferiore ai 50.000 abitanti. La

Procedura di contabilizzazione: interessi maturati quando l’Ente non ha provveduto ad assumere regolare impegno di spesa

  Nella Delibera n. 149 del 23 luglio 2015 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha formulato una richiesta

Aggiornamento catastale: dal 1º giugno gli atti possono essere presentati solo attraverso il canale telematico

Con il Provvedimento Prot. 2015/35112 datato 11 marzo 2015, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che, a partire dal 1° giugno